Passa ai contenuti principali

La tragedia antica (1) - di Cristina Rocchetto

Vorrei fermare i miei pensieri su un argomento appassionante sul quale mi è capitato ultimamente di leggere e riflettere ancora una volta: la tragedia greca.
Mantenendo il taglio di analisi dei miei articoli di Storia medievale, che è poi il taglio che amo e di cui mi servo quando cerco di “recuperare” all’amore per la nostra eredità culturale chi non ne è stato toccato o non ha avuto modo di apprenderla, vorrei evitare di perdermi a dare informazioni facilmente rintracciabili anche su pagine come Wikipedia. Quindi accenno solamente al fatto che l’etimo (la parola) "tragedia" ha origini oscure e ciò che si sa di questo genere artistico è solo che sicuramente deriva da qualche rituale religioso precedente che nella polis (città) del V° a.C. secolo fu rielaborato in termini “civici” ed adattato a “servire” una funzione culturale diversa da quella puramente religiosa. E’ da questa funzione che vorrei partire io.

La tragedia nasce nell’Atene del V° secolo, un’Atene che si presenta come città formata da cittadini (di origine ateniese, maschi e nati liberi – non schiavi) che costituiscono la collettività (il demos) che si autogoverna eleggendo i suoi rappresentanti e votando tutti insieme riuniti nella piazza (agorà) principale della città (polis, da cui il termine “politica”: esercitare attivamente il potere del cittadino, ovvero partecipare al governo della città eleggendo senz’altro e, a rotazione e/o per sorteggio, talvolta anche essendo eletto per ricoprire cariche “politiche”).

Il cittadino è quindi chiamato a svolgere attività politica, che, essenzialmente, significa votare delle leggi o eleggere, ovvero compiere delle scelte pregne di significato e conseguenze per tutta la collettività. Ricordiamoci che dalla politica dipendeva (come dipende) sia l’equilibrio interno del gruppo, formato da strati sociali diversi; sia quello con le altre città (politica estera), spessissimo in lotta tra loro. Fare politica, al tempo della piccola polis greca, richiamava il cittadino a sentirsi responsabile della sua libertà di scelta. Fu proprio questa libertà intrinsecamente unita al senso civico della responsabilità a produrre delle conseguenze anche artistiche, dando alla tragedia una funzione fondamentale nella vita della città e dando molta importanza alla formazione culturale dei cittadini, di cui si preoccuperanno anche quei primi insegnanti, i Sofisti, che svilupperanno l’arte del ragionamento e del ben parlare, quegli aspetti del programma di studi che passeranno alla storia come “logica” e “oratoria/retorica”. I primi Sofisti sono contemporanei ai grandi Tragici. E non è un caso.

Ma quale fu allora la funzione sociale della tragedia? Cosa è la tragedia?
Per tragedia si intendono delle rappresentazioni teatrali tenute in occasioni delle festività più importanti,alle quali il cittadino ateniese (non lo schiavo; non i bimbi e qualcuno dice neppure le donne, ma ho letto pareri discordanti a riguardo) non poteva mancare di dare presenza da spettatore. L’importante qui, per noi, è senz’altro tener presente che sicuramente erano obbligati ad assistere alle tragedie coloro che erano anche obbligati a partecipare attivamente alla politica della città votando, ossia scegliendo e decidendo.

“Spettatore”è una parola fondamentale per comprendere la mentalità greca: “spettatore” è colui che guarda, che osserva, che contempla da un punto di vista distaccato; questi verbi traducono per noi il verbo greco “theoreo”…  “Spettatore” sarebbe quindi, per il Greco antico, il “teorico”, colui che guarda e, guardando, “teorizza”. Quindi, per gli antichi Greci andare a teatro da spettatori significava essere “teorici”, osservare da distaccati qualcosa che però li richiamava a “riflettere”, fare teoria.

E cosa andavano osservando, i cittadini ateniesi, a teatro?
Le tragedie rappresentate erano tutte raggruppate in trilogie (tre opere solitamente tra loro collegate per argomento) a cui seguiva un dramma satiresco,tutte di uno stesso autore e rappresentate nel corso della stessa giornata. Il dramma finale era un’opera di carattere più leggero in cui si faceva satira dei personaggi (politici e non) più in vista della città. Quindi, gli autori che avevano vinto la selezione e che potevano presentare le loro opere a teatro nelle dette occasioni dovevano preparare “tetralogie”: in tutto, cioè, materiale per quattro rappresentazioni. Questi spettacoli, offerti appunto in occasione delle feste più importanti dell’anno, occupavano lunghissime ore della giornata. Il pubblico doveva, in omaggio allo spirito competitivo greco, infine votare anche l’autore secondo loro più gradito.

Ma non sono queste informazioni, sulle quali ricasco, che vorrei trasmettere qui e che troverete facendo una semplice ricerca sulla voce “tragedia greca”. E’ del senso che queste tragedie racchiudono e che le fa grandi ed intense anche per noi ciò di cui vorrei parlare, anche se pure di questo troverete vari e più estesi documenti informativi. .

In sintesi, la tragedia doveva educare il cittadino alla consapevolezza della sua condizione di uomo libero e solo davanti alla scelta. Per farlo, i grandi tragici hanno scelto soggetti particolarmente evocativi, tali da toccare profondamente anche la nostra coscienza... anche se non abbiamo una reale capacità di esercitare potere politico effettivo sul governo del luogo dove ci troviamo a vivere…
Quindi le grandi tragedie ci mostrano uomini dilaniati da sentimenti contrastanti.

Prendiamo come primo esempio Oreste di Eschilo.
Intanto, in breve, la tragedia, “Coefore”, appartiene alla trilogia chiamata “Orestea”, costituita dalle tre opere a noi pervenute: “Agamennone”, “Coefore”, “Eumenidi”. Le “coefore” sono il gruppo delle donne che accompagnano la sorella di Oreste, Elettra, a fare omaggio alla tomba del padre, dove lei incontrerà appunto Oreste dopo anni di lontananza; nella tragedia in questione, le coefore svolgono anche la funzione del coro, fondamentale nella tragedia classica a scapito dei pochi personaggi, tutti interpretati da attori maschi.

Ora, Oreste si trova a dover scegliere di uccidere la propria madre (Clitennestra), per vendicare il padre (Agamennone) da lei ucciso al suo ritorno dalla guerra di Troia. La vendetta del figlio maschio è un dovere sacro, ed Oreste lo sa; ma altrettanto sacro è, di fronte agli dèi, il monito del non uccidere il proprio padre o la propria madre. Quindi Oreste si trova davanti al bivio del dover fare qualcosa che annulla e contraddice un altro dovere forte ed altrettanto sacro. E sebbene egli compia la sua scelta apparentemente senza tentennamenti, dopo averla compiuta si rende conto di essere per sempre perseguitato dalle Erinni (le dee della vendetta, simbolo del rimorso della sua coscienza) della madre.

Eschilo è il primo dei tre grandi ed insuperabili tragediografi dell’età antica. Essendo il primo, ha toccato il punto fondamentale, ma non forse il vertice della potenzialità della tragedia. Personalmente, mi sembra che il vertice non è toccato perché i due moniti che colpiscono Eschilo provengono ancora “dall’esterno” introiettato: egli si trova ad un bivio e deve imboccare l’una o l’altra strada; qualcosa deve fare: anche il rifiuto di agire, il non fare (non vendicare il padre), significherebbe comunque compiere una scelta ed esporsi ad una persecuzione, un rimorso della coscienza - in tal caso, quella del padre invendicato. Però qui la scelta viene quasi naturale: è il “dopo” a diventare problematico. Sembra quasi che il messaggio dica, o io almeno lo leggo così: “anche lì dove ti sembra di compiere il giusto, le conseguenze che pagherai ti saranno dolorose”.

Siccome il mio articolo è diventato lungo, per ora lo interrompo qui. Riprenderò con il prossimo, parlando di Sofocle e di Euripide. Di Eschilo vorrei dare indicazione di una delle più interessanti rappresentazioni ritrovate su YouTube e davvero preziose. Un grazie anche da qui a chi si preoccupa di fornire alla collettività tanta ricchezza: non tutti coloro che usufruiscono di ciò che viene messo a loro disposizione sono capaci di ricordarsi del tempo che hanno avuto in regalo…. (continua)
“Le Coefore” (tragedia completa, in 6 parti. Collegamento alla prima: http://www.youtube.com/watch?v=ymmYZQ_pcso ; poi andate avanti voi)
Buona visione!

Cristina Rocchetto

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…