Passa ai contenuti principali

Concorso a cattedra: una selezione senza costrutto - di Enrico Maranzana




Un atto amministrativo può essere impugnato se viziato da
manifesta illogicità”.

Questo scritto vaglia la prova selettiva del concorso a cattedra, per valutarne la legittimità.



Una domanda ha significato
SE E SOLO SE
è rapportabile a un problema
SE E SOLO SE
illumina il campo d’indagine riducendone la variabilità



La proiezione del principio enunciato sul test messo a punto per la selezione degli aspiranti docenti produce un esito desolante: la relazione quesito/ambito di lavoro è inesistente.
Il testo della prova veicola un’immagine delle discipline linguistiche e informatiche superficiale, nozionistica, non strutturata, indipendente della strumentalità della conoscenza rispetto ai traguardi istituzionali.
Assurdo appare il senso ultimo del questionario: si possono mettere in dubbio le capacità logiche e la capacità di comprendere un testo d’una popolazione di laureati?
Il libero accesso alla banca dati contenente l’universo dei quesiti è irragionevole e deviante: incoraggia uno studio teso al superamento della prova, all’uniformarsi ad essa. Una moderna professionalità docente, invece, esige la capacità di affrontare l’imprevisto, di orientarsi in campi sconosciuti, di prefigurare percorsi, di rielaborare la conoscenza.



In tutti i sistemi organizzati la selezione del personale avviene sulla base di un mansionario, in funzione dell’attitudine del soggetto a interagire positivamente con l’ambiente di lavoro.
!  Ma nella scuola no  !
L’accertamento non ha soppesato la padronanza della legislazione scolastica, della relativa terminologia, dell’esatta percezione delle finalità del sistema, della struttura decisionale, di chiari e oggettivi riferimenti per la costituzione di rapporti collaborativi.
Alcuni criteri utili alla realizzazione d’una congrua prova d’esame sono visibili in rete: “Concorso a cattedra: un freno all’ammodernamento del sistema scolastico”.
Spostiamo il focus sulla sezione riguardante le competenze digitali: le domande sono banali, di superficie, estranee alla cultura informatica.
Il clima intellettuale veicolato dal test è sintetizzato dalla proporzione:
quesito d’informatica : cultura informatica = grafia di Einstein : teoria della relatività
Se i questionari fossero stati adeguatamente concepiti avrebbero focalizzato la capacità di modellare, la capacità di cooperare, la capacità di formulare ipotesi, la capacità di gestire gli errori e, più in generale, la capacità di progettare.
Quest’ultima capacità avrebbe dovuto essere l’architrave della prova d’ammissione dato che L’autonomia delle istituzioni scolastiche  si sostanzia nella progettazione e nella realizzazione di interventi di educazione, formazione e istruzione”.

Come giudicare l’annuncio del Miur che esalta il suo successo nel selezionare i più preparati e i più giovani? [!?.. preparati  ..?!] Non avrebbe ottenuto più agevolmente lo stesso esito utilizzando le competenze atletiche come crivello?

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…

Sul fondo da Se questo è un uomo di Primo Levi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videolezione del professore su youtube
qui sotto: audiolezione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
Lettura del brano "Sul fondo" tratto dal secondo capitolo del romanzo Se questo è un uomo di Primo Levi in formato wma
Se questo è un uomoPrimo Levi relazione di narrativa di Emiliano Ventura - Seconda DVITA E BIBLIOGRAFIA DELL’AUTOREPrimo Levi nasce a Torino il 31 luglio 1919 da Cesare Levi e da Ester Luzzati. A partire dal 1934 comincia a frequentare il Ginnasio-Liceo “D’Azeglio” dove mostra una buona disposizione per le materie scientifiche. Ottenuta la licenza liceale si iscrive all’Università torinese dove frequenta la facoltà di Scienze e si laurea nel 1941.
Trova subito lavoro come chimico in una cava d’amianto e l’anno dopo entra in un’industria farmaceutica di Milano, la Wander. Nel 1943 lascia questo lavoro per prendere parte alla Resistenza e partecipa ad un’azione clamorosa ai danni della milizia fascista di Ivr…