Passa ai contenuti principali

Guerra aperta alla scuola - di Pietro Trematore

Le Recenti dichiarazioni di Monti alla trasmissione “Che tempo che fa”  hanno ufficializzato l’attacco alla Scuola Pubblica e ai Docenti  da parte del Governo .
Affermazioni tra l’altro sbagliate (le ore erano 6 e non 2)  superficiali  e demagogiche  che continuano a denigrare e sminuire il lavoro  dei docenti  alimentando un clima di sfiducia e di negatività da parte dell’opinione pubblica verso gli insegnanti;
scaricando su di loro privilegi e vantaggi che di fatto non hanno  e  che in una strana e surreale inversione delle parti ci vengono additati proprio da coloro che non riescono a rinunciare nemmeno ad una piccola parte dei loro esagerati privilegi di “casta “ e che nonostante tutto hanno la “faccia di bronzo”  di attribuirsi dei sacrifici accomunandosi alle loro Vittime cioè ai comuni cittadini sui cui incombono le loro scellerate azioni di risanamento del  bilancio .
Un governo che mette in atto ,sempre più,  un’arroganza degna delle peggiori monarchie  di vecchio stampo   con la complicità degli organi ufficiali di stampa .
Non basta il blocco degli scatti e dei contratti e le miserevoli condizioni in cui versano le scuole e ed i loro lavoratori  e gli studenti (stipati in oltre 30 per classe ed altro che didattica !!!!!)ma , scavalcando qualsiasi forma di buon senso , si chiede anche di lavorare di più in una nuova forma di “Democratico Schiavismo” ; ribaltando tutte le logiche o meglio ancora annullandole si paragona il lavoro degli insegnanti al lavoro degli operai (senza nulla togliere a loro) , come accaduto in una precedente trasmissione da un altro esponente del Governo ,  piuttosto che paragonarli in maniera più consona   ai dirigenti o ai professori universitari o ai  giudici  o altre attività in cui è richiesta oltre alla laurea una preparazione culturale e professionale superiore.
Tutto questo a distanza di  un solo giorno dalla manifestazione di Sabato e dalla affrettata sospensione  dello sciopero messo in atto, purtroppo , da gran parte  dei sindacati  che ha creato non poca confusione in molti docenti sminuendo e ridimensionando il senso della protesta e della partecipazione .

 27/11/2012
                                                                    Pietro Trematore

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Sciatteria nelle nomine delle commissioni esami di stato - di Paolo Marsich

Per dare un’idea della serietà con cui i burocrati del Ministero dell’Istruzione gestiscono l’Esame di Stato (ex Maturità), basterebbe considerare questi esempi di come sono state composte le commissioni: a esaminare in Storia studenti di indirizzi liceali e tecnici in cui la materia viene insegnata dal docente di Italiano (classe di concorso A050), sono stati mandati docenti di Italiano e Latino (classe A051) che, per quanto in possesso di abilitazione anche all’insegnamento di Storia, ottenuta magari trent’anni fa, Storia al triennio non l’hanno mai insegnata; viceversa a esaminare in Italiano e Latino studenti del Liceo Scientifico sono stati mandati insegnanti privi di abilitazione in Latino (classe A050). E ancora, a esaminare in Letteratura italiana studenti dei licei classici sono stati mandati insegnanti di Greco e Latino (classe A052) che, per quanto in possesso di abilitazione anche in Italiano, ottenuta anche questa magari trent’anni fa, Letteratura italiana al triennio no…