Passa ai contenuti principali

Quale docente e quale scuola per l’emergenza educativa e il futuro del Paese? - di Diesse Firenze


La proposta di portare le ore di insegnamento a 24 settimanali senza relativo aumento della retribuzione sta preoccupando il mondo della scuola e incendiando la protesta dei docenti.
È un provvedimento che ci trova profondamente contrari: non si è mai visto per nessuna categoria di lavoratori che si stabilisca un aumento di ore di lavoro senza relativo adeguamento di stipendio e per di più per gli insegnanti italiani che hanno gli stipendi più bassi d’Europa e senza alcuna prospettiva di carriera né professionale, né economica!


Il risultato è che la figura del docente, già tanto svilita agli occhi della società, ha subito un ulteriore aggravamento, generando quasi una sorta di linciaggio mediatico. Il Ministro dimostra di non comprendere il difficilissimo compito che grava sulle spalle dei docenti che, educando le nuove generazioni, hanno la responsabilità del futuro del Paese.
Non si può richiamare ogni giorno l’emergenza educativa, constatare quanto sia sempre più faticoso creare un rapporto costruttivo ed educativo con i giovani e poi scordarsi che una parte importante di questo compito viene svolto quotidianamente nelle classi.
Se poi si considera tutto il lavoro di preparazione delle lezioni, di correzione dei compiti, di collegi docenti, consigli di classe, colloqui con i genitori, scrutini e corsi di aggiornamento, si scoprirà che anche matematicamente il numero delle ore che impegna settimanalmente un docente non è certo inferiore alla media.
Detto questo, ci sta a cuore che la protesta dei docenti non si fermi, come sembra in molti casi, al problema della retribuzione o del monte ore perché in tal caso sfuggirebbe che la manovra del governo è, nel dettaglio, la logica conseguenza di un’immagine di scuola ben precisa e che ci preoccupa ancor di più. Secondo il Ministro Profumo il docente dovrebbe diventare sempre più un orchestrale delle varie agenzie informative e passare dall’immagine del trasmettitore di conoscenza a quella di direttore del traffico informativo; la scuola
dovrebbe diventare un “centro civico” che impegni lo studente sia la mattina che il pomeriggio, secondo un’idea centralistica dell’educazione, per cui lo Stato si fa garante dell’educazione dei propri cittadini, togliendo spazio innanzitutto alla famiglia, poi alla società nelle sua molteplici forme: associazioni, circoli culturali, ricreativi, sportivi, oratori…
È la soppressione del principio di sussidiarietà.
La professionalità docente non è valutabile quantitativamente e non è incrementabile aumentando le ore di lezione in classe. Il docente è un professionista che trova le modalità personalizzate del proprio insegnamento, che si aggiorna secondo una libera iniziativa di studio, che sceglie la didattica più consona al proprio insegnamento e alle proprie classi, che pensa, progetta e realizza la propria professione.
Ci pare che questo provvedimento e la protesta che ne è derivata, siano l’occasione importante per riporre innanzitutto a noi stessi la domanda su quale sia la reale natura della nostra professione.
Per questo proponiamo di inviare in massa questo volantino o email con questi contenuti al Ministero e soprattutto di cominciare una discussione con i nostri colleghi che metta al centro una riflessione seria e approfondita sulla figura docente, sulla scuola e sulle sue esigenze, per arrivare ad un contratto che salvaguardi la specificità docente.
Noi già ci siamo.
DIESSE FIRENZE E TOSCANA
Diesse Firenze - Via Nomellini 9 - 50142 - Firenze (FI)

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…

Sul fondo da Se questo è un uomo di Primo Levi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videolezione del professore su youtube
qui sotto: audiolezione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
Lettura del brano "Sul fondo" tratto dal secondo capitolo del romanzo Se questo è un uomo di Primo Levi in formato wma
Se questo è un uomoPrimo Levi relazione di narrativa di Emiliano Ventura - Seconda DVITA E BIBLIOGRAFIA DELL’AUTOREPrimo Levi nasce a Torino il 31 luglio 1919 da Cesare Levi e da Ester Luzzati. A partire dal 1934 comincia a frequentare il Ginnasio-Liceo “D’Azeglio” dove mostra una buona disposizione per le materie scientifiche. Ottenuta la licenza liceale si iscrive all’Università torinese dove frequenta la facoltà di Scienze e si laurea nel 1941.
Trova subito lavoro come chimico in una cava d’amianto e l’anno dopo entra in un’industria farmaceutica di Milano, la Wander. Nel 1943 lascia questo lavoro per prendere parte alla Resistenza e partecipa ad un’azione clamorosa ai danni della milizia fascista di Ivr…