Passa ai contenuti principali

Online il nuovo portale eTwinning. L’azione europea dei gemellaggi elettronici apre ai nuovi docenti


Il project manager Scimeca: “Il nostro obiettivo è creare una community di scuole in Europa”

L’azione europea eTwinning, attiva nel campo dei gemellaggi elettronici tra scuole comunitarie si rinnova con l’avvio del nuovo anno scolastico: lanciato online in questi giorni il nuovo portale europeo multilingua (www.etwinning.net) che mira ad ottimizzare la presenza online dell’azione con una maggiore attenzione verso l’orientamento e permettendo ai docenti di tutta Europa un miglior approccio ad una didattica innovativa.

Da European Schoolnet di Bruxelles – consorzio interministeriale che gestisce l’azione coordinando le varie Unità nazionali - l’italianissimo project manager di eTwinning Santi Scimeca parla di un layout grafico completamente ristrutturato e un’interfaccia più user-friendly, con l’obiettivo di orientare l’utente facendogli capire in pochi click cos’è eTwinning e cosa sia possibile fare con la piattaforma. “Nel corso degli ultimi anni – ha dichiarato Scimeca - abbiamo ricevuto centinaia di suggerimenti da parte degli utenti finali, dalle Unità Nazionali eTwinning e dagli stakeholder in generale. Abbiamo poi messo insieme tutti questi elementi e iniziato a stabilire le direzioni prioritarie che volevamo prendere. All’inizio, non volevamo apportare troppi
cambiamenti, ma poi ci siamo resi conto che c’era molto da fare”.
I cambiamenti più rilevanti riguardano il layout e l’interfaccia-utente, contenente i principali concetti di eTwinning e la struttura delle informazioni. “Ci auguriamo – ha aggiunto il project manager - che grazie al nuovo portale i nuovi utenti possano comprendere in pochi click cos’è eTwinning e cosa sia possibile fare con la piattaforma. L’obiettivo è quello di ridurre l’eccesso di informazioni e rendere la piattaforma di facile comprensione, rendendo i contenuti di facile accesso e facilmente comprensibili, senza far perdere troppo tempo ai nuovi utenti. Questo – ha poi concluso - per restare in linea con ciò che eTwinning vuole davvero essere: la comunità delle scuole in Europa”.
Dal 24 settembre al 10 ottobre la Campagna “Settimane eTwining” incoraggia i nuovi iscritti ad entrare a far parte della community con idee di progetto e attività mirate alla socializzazione tra gli insegnanti interessati a collaborare.

Cos’è eTwinning
Giunto al suo sesto anno di attività, eTwinning conta oggi oltre 170.000 insegnanti registrati, 90.000 scuole e circa 30.000 progetti di gemellaggio in tutta Europa (l’Italia è uno dei paesi più attivi con circa 12.000 docenti iscritti, 6.000 istituti registrati e altrettanti progetti avviati).
eTwinning offre un servizio gratuito a tutti i docenti iscritti l'opportunità di lavorare insieme a progetti di gemellaggio elettronico che, grazie all’utilizzo delle nuove tecnologie e a partnership attivate a livello europeo, costituisce un’importante fonte di sperimentazione e innovazione delle pratiche di insegnamento tradizionali.
Maggiori informazioni sul sito nazionale http://etwinning.indire.it o su quello europeo www.etwinning.net.

Unità Nazionale eTwinning
Agenzia LLP - INDIRE
Via Magliabechi, 1
50122 Firenze Italia
Tel +39 055 2380561
Fax +39 055 2380584
Mail: eTwinning@indire.it
Web: http://etwinning.indire.it/

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…

Sul fondo da Se questo è un uomo di Primo Levi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videolezione del professore su youtube
qui sotto: audiolezione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
Lettura del brano "Sul fondo" tratto dal secondo capitolo del romanzo Se questo è un uomo di Primo Levi in formato wma
Se questo è un uomoPrimo Levi relazione di narrativa di Emiliano Ventura - Seconda DVITA E BIBLIOGRAFIA DELL’AUTOREPrimo Levi nasce a Torino il 31 luglio 1919 da Cesare Levi e da Ester Luzzati. A partire dal 1934 comincia a frequentare il Ginnasio-Liceo “D’Azeglio” dove mostra una buona disposizione per le materie scientifiche. Ottenuta la licenza liceale si iscrive all’Università torinese dove frequenta la facoltà di Scienze e si laurea nel 1941.
Trova subito lavoro come chimico in una cava d’amianto e l’anno dopo entra in un’industria farmaceutica di Milano, la Wander. Nel 1943 lascia questo lavoro per prendere parte alla Resistenza e partecipa ad un’azione clamorosa ai danni della milizia fascista di Ivr…