Passa ai contenuti principali

Lettera aperta a Beppe Grillo - di Francesco Lena

Caro Grillo, cosa hai fatto, cosa stai facendo, cosa farai per i terremotati?.
Caro Grillo, cosa hai fatto per contribuire a costruire un’ Italia, un Europa, un mondo migliore, più giusto, con più diritti, con più uguaglianza, con più solidarietà?
Caro Grillo, fare questo dipende da ognuno di noi , perciò anche da te: essere migliore nei fatti di tutti i giorni, non stare comodamente in una villa con le tasche belle piene di soldi, o su una bella barca a spassartela, o in una piazza a dare ordini, a dire parolacce dispregiative, ad insultare, urlare, non fai proprio più ridere nessuno.
La democrazia in Italia che godi anche tu, è stata conquistata con il sacrificio di tante persone, perciò la democrazia, caro Grillo, è confronto civile, possibilmente educato, la democrazia è impegno responsabile: la democrazia è fare qualcosa per il bene comune, dare il buon esempio, avere idee buone, essere onesti, sinceri, trasparenti, avere il senso del dovere, rispetto delle regole, delle leggi, prima di tutto rispetto della dignità delle persone.
Tu, caro Grillo, non hai inventato né portato niente di buono, hai solo copiato quasi tutto il peggio del presente e del passato. Mettiti a lavorare, non è mai troppo tardi, incomincia a fare veramente una cosa di concreto, vai a farlo per i terremotati che ne hanno tanto bisogno, ti consiglio gentilmente, abbandona la casta degli urlatori, sono sicuro che se li abbandonerai e ti metterai a lavorare facendo cose concrete per il bene comune, ti sentirai meglio e più sereno, e ti guadagnerai la stima dei cittadini,
distinti saluti.
Francesco Lena
Via Provinciale,37
24060 Cenate Sopra ( BG) tel.  035/956434

Commenti

Post popolari in questo blog

Eticamente lecito uccidere i bambini - di Stefano Biavaschi

“Eticamente lecito uccidere i bambini”. E' la sorprendente tesi di due bioeticisti italiani, pubblicata sul Journal of Medical Ethics. I due personaggi sono Alberto Giubilini e Francesca Minerva, e il titolo incredibile dell'articolo è: “Aborto dopo la nascita, perché il bambino dovrebbe vivere?”.

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Concorso dirigenti: appunti di studio

L'ultima mia fatica di studio in vista del concorso l'ho riversata come al solito sul sito www.atuttascuola.it e credo che possa essere utile, in mancanza di una testo ufficiale del ministero di preparazione al concorso.