Passa ai contenuti principali

Concorso per dirigente scolastico: no alla “soluzione politica” - di Giuseppe Iaconis

I presidi dovrebbero essere i custodi della legalità e non il frutto di manovre deprecabili sotto il profilo etico-giuridico
L’arrivo del ministro Profumo al dicastero dell’istruzione ha “liberato” il mondo della scuola da una sorta di maledizione divina che, dopo i vari Moro, Scalfaro, Spadolini, Berlinguer,  De Mauro, ecc.., sembrava essersi abbattuta su viale Trastevere.
Oltre alla marginale competenza in fatto di formazione, chi ha preceduto l’attuale ministro si è dimostrato refrattario verso qualsiasi offerta di collaborazione o suggerimento, limitandosi a trasformare in “politiche scolastiche” le esigenze di bilancio del ministero dell’economia. Tutto questo, ahimè, ha contribuito non poco al decadimento dell’istruzione italiana.
L’approccio più collaborativo con la comunità scolastica, i sindacati e il mondo dell’informazione evidenziato dal professor Profumo, tuttavia, non è sufficiente per risolvere gli innumerevoli problemi esistenti nel settore dell’istruzione pubblica. Occorre, in tempi brevi, ridare credibilità al nostro sistema scolastico e, di conseguenza, favorire l’incremento dell’autostima in tutti gli operatori dell’educazione mortificati da politiche scolastiche incapaci di guardare al futuro. Si tratta di un’operazione difficile che deve necessariamente poggiare sulla predisposizione di regole certe, chiaramente volte al raggiungimento del bene comune e, soprattutto, sul rigoroso rispetto di queste ultime. La legalità, infatti, deve rappresentare una sorta di stella cometa per tutti gli operatori della scuola: l’istituzione a cui è demandato il delicato compito di formare “l’uomo e il cittadino secondo i principi sanciti dalla Costituzione” non può, al suo interno, disattendere le norme e sconfinare nell’illegalità.
Per queste ragioni l’attuale ministro dell’istruzione non deve cadere nella trappola della “soluzione politica”, da più parti prospettata, che mira a salvare lo sciagurato concorso per dirigente scolastico.  Se una procedura concorsuale sgangherata genera un contenzioso di queste proporzioni è necessario chiedersi il perché con onestà intellettuale e umiltà (doti evidentemente non possedute dall’ex ministra Gelmini, la quale capeggia un folto gruppo di parlamentari di centro-destra che si sono pronunciati a favore della “soluzione politica”). Coloro i quali sono investiti di responsabilità istituzionali, infatti, non possono piegarsi alla logica del più forte (nel caso specifico le organizzazioni rappresentative dei dirigenti scolastici e i sindacati confederali: Cgil, Cisl e Uil), ma devono avere come unico punto di riferimento il diritto che, volendo usare un paragone calcistico, a partita in svolgimento non può essere adattato alle esigenze specifiche di una delle due squadre in campo. E’ necessario aspettare con serenità le decisioni dei giudici, poiché in uno stato moderno ed evoluto ricorrere alla giustizia, per tutelare un diritto o un interesse legittimo, è segno di civiltà. I disagi che deriverebbero dalla mancata assunzione dei nuovi dirigenti, peraltro già presenti negli anni precedenti, non rappresentano una buona ragione per calpestare dei principi di civiltà giuridica così importanti.
Coloro i quali sono chiamati a dirigere un’istituzione scolastica dovrebbero essere i custodi della legalità e non la conseguenza di manovre deprecabili sia dal punto di vista giuridico che, soprattutto, etico.
Giuseppe Iaconis

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…

Sul fondo da Se questo è un uomo di Primo Levi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videolezione del professore su youtube
qui sotto: audiolezione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
Lettura del brano "Sul fondo" tratto dal secondo capitolo del romanzo Se questo è un uomo di Primo Levi in formato wma
Se questo è un uomoPrimo Levi relazione di narrativa di Emiliano Ventura - Seconda DVITA E BIBLIOGRAFIA DELL’AUTOREPrimo Levi nasce a Torino il 31 luglio 1919 da Cesare Levi e da Ester Luzzati. A partire dal 1934 comincia a frequentare il Ginnasio-Liceo “D’Azeglio” dove mostra una buona disposizione per le materie scientifiche. Ottenuta la licenza liceale si iscrive all’Università torinese dove frequenta la facoltà di Scienze e si laurea nel 1941.
Trova subito lavoro come chimico in una cava d’amianto e l’anno dopo entra in un’industria farmaceutica di Milano, la Wander. Nel 1943 lascia questo lavoro per prendere parte alla Resistenza e partecipa ad un’azione clamorosa ai danni della milizia fascista di Ivr…