Passa ai contenuti principali

Concorso ds: accettare le sentenze amministrative, non aggredirle – di Aldo Domenico Ficara


Questa petizione cerca il consenso e le firme di tutti coloro ( cittadini e docenti ) che rispettano le sentenze e le ordinanze dei Tribunali Amministrativi Regionali e del Consiglio di Stato, senza invocare facili alternative politiche, che potrebbero screditare la credibilità dell'amministrazione pubblica ogni volta che decida di organizzare un concorso nella scuola o in altri settori del pubblico impiego. Le sentenze del Consiglio di Stato, sia nel bene che nel male, vanno accettate e rispettate.

Commenti

  1. Le sentenze vanno rispettate (chiosa: soprattutto quando non siano state ancora scritte in modo definitivo!).
    Pur tuttavia la politica ed i consessi legislativi hanno il dovere ( ed il potere) di ricercare e se necessario correggere quelle situazioni di disagio e malfunzionamento che ledono diritti fondamentali nel rispetto della Costituzione.

    RispondiElimina
  2. In questo blog non sono ammessi gli attacchi personali. Inoltre, chi ha intenzione di commentare l'articolo di Aldo Domenico Ficara si rivolga ad Aldo Domenico Ficara, non ad altri.

    RispondiElimina
  3. E non mi riferisco al commento di EAntonioG che e' del tutto lecito, anzi condivisibile, ma ad un altro commento che conteneva delle critiche personali: in questa pagina http://atuttascuoladuepuntozero.blogspot.it/p/articoli-e-opinioni-sulla-scuola.html e' esplicitata questa regola: "i testi non devono contenere critiche o giudizi pesanti negativi riferiti a persone singole o a sigle"

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Eticamente lecito uccidere i bambini - di Stefano Biavaschi

“Eticamente lecito uccidere i bambini”. E' la sorprendente tesi di due bioeticisti italiani, pubblicata sul Journal of Medical Ethics. I due personaggi sono Alberto Giubilini e Francesca Minerva, e il titolo incredibile dell'articolo è: “Aborto dopo la nascita, perché il bambino dovrebbe vivere?”.

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Concorso dirigenti: appunti di studio

L'ultima mia fatica di studio in vista del concorso l'ho riversata come al solito sul sito www.atuttascuola.it e credo che possa essere utile, in mancanza di una testo ufficiale del ministero di preparazione al concorso.