Passa ai contenuti principali

D'Elia: Concorso Dirigenti Lombardia sbagliato sin dall'inizio

Ancora una volta il preside D'Elia del Vittorio Veneto di Milano, ex-membro della commissione, interviene sul discusso Concorso Dirigenti Scolastici Lombardia, con un'intervista al Corriere della Sera.
«Quel concorso sbagliato fin dall' inizio»
«Il concorso è partito storpio fin dall' inizio: mette in palio 355 posti, quando le scuole senza preside in Lombardia sono 576», sentenzia Michele D' Elia, 77 anni, dirigente scolastico del liceo scientifico Vittorio Veneto di Milano.
Poi è stato anche bloccato dal Tar.
«L' applicazione lombarda è stata contorta, frettolosa: hanno voluto correggere i compiti in pochi mesi, e il risultato sono 101 ricorsi».
Ma i giudici hanno individuato un problema a monte, sulle buste giudicate trasparenti. 
«Sì, ma i ricorsi sono comunque nati dalle lamentele sulle correzioni dei compiti. Il concorso è arrivato dopo anni di attesa, se le commissioni ci avessero messo due mesi in più e avessero corretto i compiti con più calma non ci sarebbero stati nemmeno i ricorsi».
Secondo lei che cosa accadrà adesso? 
«Non spetta a me dirlo. Ribadisco solo che il concorso è nato nano: se anche il Consiglio di Stato sbloccherà le nomine - cosa molto probabile, non credo arrivi a sconfessare il suo presidente - mancheranno comunque circa 200 presidi in Lombardia. Insomma, non si risolve quasi niente».
9 agosto 2012 - Corriere della Sera

Commenti

Post popolari in questo blog

Eticamente lecito uccidere i bambini - di Stefano Biavaschi

“Eticamente lecito uccidere i bambini”. E' la sorprendente tesi di due bioeticisti italiani, pubblicata sul Journal of Medical Ethics. I due personaggi sono Alberto Giubilini e Francesca Minerva, e il titolo incredibile dell'articolo è: “Aborto dopo la nascita, perché il bambino dovrebbe vivere?”.

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Concorso dirigenti: appunti di studio

L'ultima mia fatica di studio in vista del concorso l'ho riversata come al solito sul sito www.atuttascuola.it e credo che possa essere utile, in mancanza di una testo ufficiale del ministero di preparazione al concorso.