Passa ai contenuti principali

Premiare il merito: atmosfera di un sentire antico - di Enrico Maranzana


Premiare lo studente dell’anno, gratificare chi si è distinto per il livello dei risultati ottenuti: una questione mutevole, che varia in funzione dell’ambiente di riferimento.
Il ministro Profumo ha rilasciato un’intervista in cui afferma di essere
“profondamente rispettoso degli organismi collegiali” e di avere “una lunga esperienza di scuola”.


Per quanto riguarda il suo vissuto l’università è il riferimento primario le cui problematiche hanno natura e struttura diversa da quelle della scuola. Sul versante degli organi di governo delle istituzioni scolastiche le anticipazioni sulle linee portanti la sua “riforma” contraddicono la prima affermazione.
Questo scritto esplora la premialità quale agente di miglioramento del servizio scolastico.
L’ambito in cui sorge il problema il rapporto educativo ha natura dialogica: le scuole “progettano e realizzano (1)”percorsi d’apprendimento (2); gli studenti, con perizia e laboriosità rispondono alle
sollecitazioni ricevute.
Duplice l’origine del successo: da un lato l’ideazione e la proposta di situazioni di lavoro motivanti ed efficaci a cui segue la diligente, collaborativa e convinta risposta degli allievi.
Questo il contesto a cui il governo, organo esecutivo dello Stato, avrebbe dovuto far riferimento: la sua responsabilità primaria consiste nel vigilare sulla rigorosa applicazione delle regole vigenti e, in particolare, nell’accertare che il servizio fluisca nell’alveo istituzionale. In altri termini: deve sovraintendere l’attività delle scuole per garantire che la struttura logico-funzionale prevista dalle norme sia operante (3).
La proposta del ministro sorvola su tali adempimenti in quanto sembra riferirsi al modello di scuola di inizio novecento, unidirezionale come quello accademico, che interviene sul solo destinatario della comunicazione educativa: il problema riguardante la sintonia tra emittente e ricevente è trascurato e , di conseguenza, la  legge è disattesa.
Definizione del problema
Formazione .. Educazione .. Istruzione .. Insegnamento sono le fasi della progettazione scolastica. La legge ha associato a ogni funzione uno specifico organismo (4): il compito dell’amministrazione centrale è quello di verificare la compiuta realizzazione dell’iter progettuale, il fondamento della crescita culturale dei giovani.
Rimando in rete a “Brunetta/Gelmini: onorate il mandato ricevuto” in cui si mostra la profonda divaricazione esistente tra il servizio scolastico illustrato nei POF e lo spirito e la lettera della legge, questione su cui anche il provvedimento Profumo glissa.
Formulazione d’ipotesi
 Sul versante dell’istituzione
I docenti operano sia collegialmente che individualmente seguendo un percorso che, per raffinamenti, individua, definisce e approssima i traguardi del sistema (5).
A una commissione potrebbe essere affidato il compito di analizzare il lavoro delle scuole in base ai criteri che il ministero annualmente definisce. L’accertamento delle eccellenze avverrà a più livelli:
Collegio dei docenti – Oggetto dell’analisi potrebbe essere la strategia adottata per “valutare periodicamente l'andamento complessivo dell'azione didattica per verificarne l'efficacia in rapporto agli orientamenti e agli obiettivi programmati, proponendo, ove necessario, opportune misure per il miglioramento dell'attività scolastica (6)”.
Un’altra possibilità di valutazione è fornita dalla certificazione delle competenze di fine obbligo: quali metodologie sono state sviluppate per portare i giovani al successo?
Consiglio di Classe – Il coordinamento didattico qualifica il lavoro dell’organismo. I criteri e le modalità utilizzati sia per far convergere gli insegnamenti verso i traguardi comuni (capacità), sia per controllarne l’efficacia consentiranno di soppesare la qualità dell’attività collegiale.
Docente – la via maestra per l’espressione di un giudizio oggettivo (3) sulla progettazione didattica degli insegnanti ha, come porta d’ingresso, la distinzione tra valutazione sommativa e valutazione formativa. A un soggetto terzo sarà affidata la prima; ai docenti competerà quella formativa. In tal modo si generare una situazione del tutto analoga alla preparazione di una gara sportiva: l’allenatore orienta, consiglia, informa,
discute, corregge per mettere l’atleta in condizione di dare il massimo nella gara.
 Sul versante dello studente
I termini eccellenza e merito hanno significati differenti: il primo fotografa le prestazioni, il secondo focalizza la persona, la sua volontà, la qualità delle risposte fornite, il cammino percorso. L’eccellenza è il naturale oggetto della valutazione esterna della scuola, il merito riguarda quella interna che, attraverso il feed-back,
consente di governare il sistema educativo, di istruzione e formazione (3).
L’introduzione della cultura del merito nella scuola non può prescindere da una corretta e scientifica organizzazione delle attività scolastiche, proprio quella che i decreti delegati del 74 hanno introdotto, da tutti disattesa (7) nel disinteresse generale.

NOTE:

1 DRP 275/1999 – autonomia delle istituzioni scolastiche – che “si sostanzia nella progettazione e
nella realizzazione di interventi di educazione, formazione e istruzione”
2 Sul significato di apprendimento CFR in rete “Guida alla lettura delle circolari sulle adozioni
dei libri di testo” e “La scuola del XXI° secolo”
3 CFR in rete “Coraggio! Organizziamo le scuole”
4 CFR in rete “La scuola rivedrà le stelle?”

5 CFR in rete “La professionalità dei docenti: un campo inesplorato”
6 T.U. 297/94 art 7 comma 2 d)
7 E’ l’origine della banalizzazione della certificazione della qualità: CFR in rete “Voti, valutazione,
insufficienze: parole che offuscano il problema educativo”

Enrico Maranzana

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…

Sul fondo da Se questo è un uomo di Primo Levi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videolezione del professore su youtube
qui sotto: audiolezione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
Lettura del brano "Sul fondo" tratto dal secondo capitolo del romanzo Se questo è un uomo di Primo Levi in formato wma
Se questo è un uomoPrimo Levi relazione di narrativa di Emiliano Ventura - Seconda DVITA E BIBLIOGRAFIA DELL’AUTOREPrimo Levi nasce a Torino il 31 luglio 1919 da Cesare Levi e da Ester Luzzati. A partire dal 1934 comincia a frequentare il Ginnasio-Liceo “D’Azeglio” dove mostra una buona disposizione per le materie scientifiche. Ottenuta la licenza liceale si iscrive all’Università torinese dove frequenta la facoltà di Scienze e si laurea nel 1941.
Trova subito lavoro come chimico in una cava d’amianto e l’anno dopo entra in un’industria farmaceutica di Milano, la Wander. Nel 1943 lascia questo lavoro per prendere parte alla Resistenza e partecipa ad un’azione clamorosa ai danni della milizia fascista di Ivr…