Passa ai contenuti principali

Spending review sulla scuola: perché non razionalizzare invece che tagliare ? - di Elio Fragassi


Nella scuola ci sono moltissimi insegnanti che fanno della professione docente la seconda, se non la terza, professione: architetti, avvocati, ingegneri, commercialisti, sportivi, medici, ragionieri ecc. ecc. considerano il lavoro scolastico un riempitivo della professione dominante.

Senza entrare nei particolari, che tutti possiamo immaginare, mi chiedo:
· quanto può interessare ad un professionista l’ora d’insegnamento se in quella ora ha mille altre cose da fare, da pensare, o da risolvere?;
· quale impegno può assumere, quel professionista, nei confronti della funzione docente se quella funzione è di intralcio al lavoro professionale? (Alcuni casi clamorosi finiti sui giornali li ricordiamo tutti).
Al contempo
· Quelle ore di mancata attività didattica (in ogni modo retribuite come tali) quanto peso hanno nella preparazione degli studenti?;
· quale rapporto educativo, didattico e formativo costruttivo si può instaurare tra questi insegnanti che stanno in classe (quando ci stanno) solo fisicamente mentre con la mente stanno altrove?;
· quale esempio positivo possono essere se è vero, come è vero, che si educa, anzitutto, con il comportamento?
In questo momento di grande crisi di lavoro perché ci devono essere persone con più incarichi e persone senza speranza di futuro? Razionalizzare vuol anche dire fare in modo che ognuno faccia ciò che deve; ed allora agli insegnanti si faccia fare solo quel lavoro predisponendo una normativa che riconoscendo e valorizzando la “professionalità docente” escluda la possibilità della doppia (o forse tripla) professione a chi è, e si dichiara professionista in altri campi.
Non mi pare giusto che in un momento di così grande sofferenza per il lavoro ci siano persone che hanno tanto e persone che non hanno nulla, in modo particolare se a gestire questo tipo di lavoro è lo Stato che, stando al primo articolo dalla Costituzione dichiara: “L’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro”.
Allora perché non razionalizzare invece che tagliare?
Se è vero che a tutti sta a cuore le sorti della scuola pubblica, io penso che così facendo si libereranno moltissime cattedre che potranno essere assegnate ai “professionisti” della didattica con un sicuro miglioramento nella preparazione degli studenti oltre che a dare speranza di futuro a tante persone, sicuramente giovani ed in attesa di un lavoro che li faccia sentire parte della società attiva ed operosa.
Questa si che sarebbe vera razionalizzazione perché: “Nessuno può servire due padroni: o odierà l’uno e amerà l’altro oppure si affezionerà all’uno e disprezzerà l’altro” (Matteo 6,24).
Elio Fragassi

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Sciatteria nelle nomine delle commissioni esami di stato - di Paolo Marsich

Per dare un’idea della serietà con cui i burocrati del Ministero dell’Istruzione gestiscono l’Esame di Stato (ex Maturità), basterebbe considerare questi esempi di come sono state composte le commissioni: a esaminare in Storia studenti di indirizzi liceali e tecnici in cui la materia viene insegnata dal docente di Italiano (classe di concorso A050), sono stati mandati docenti di Italiano e Latino (classe A051) che, per quanto in possesso di abilitazione anche all’insegnamento di Storia, ottenuta magari trent’anni fa, Storia al triennio non l’hanno mai insegnata; viceversa a esaminare in Italiano e Latino studenti del Liceo Scientifico sono stati mandati insegnanti privi di abilitazione in Latino (classe A050). E ancora, a esaminare in Letteratura italiana studenti dei licei classici sono stati mandati insegnanti di Greco e Latino (classe A052) che, per quanto in possesso di abilitazione anche in Italiano, ottenuta anche questa magari trent’anni fa, Letteratura italiana al triennio no…