Passa ai contenuti principali

Chi sono i moderati - di Giovanni Ghiselli


I moderati sono i conformisti. I moderati sono i poveracci che ricavano una identità gregaria e fasulla dal denaro che possono spendere. I moderati sono quelli che vivono secondo i luoghi comuni, secondo il “così si fa”, così si dice”. I moderati sono gli immaturi incapaci di diventare quello che davvero sono. I moderati sono quelli non educati a pensare, anzi condizionati a non pensare da tutte le pubblicità e le propagande che avvelenano l’aria.


I moderati sono la maggioranza degli Italiani nelle previsioni dei politici astuti che mirano a usarli. Astuti ma non intelligenti: infatti non si rendono conto che questo adagiarsi nel luogo comune e nell’ inerzia del non pensiero sussiste nei più solo finché la maggioranza non è tormentata o minacciata dalla fame, dal dormire senza un tetto sopra la testa, dal non avere più i mezzi per curarsi, o per  mandare i figli a scuola. Le persone affamate acquistano il coraggio di ribellarsi allo stato delle cose che li affama. Quelli che contano sul moderatismo inerte, politici come Napolitano e Casini tanto per essere chiari, danno sempre ragione al più forte. Partiamo dal fautore di moderatismo dal corso più lungo: il vetusto presidente di questa Repubblica democratica esautorata e vilipesa. Costui vide e approvò i “boom” dei carri armati sovietici che invasero l’Ungheria nell’autunno del 1956 e fecero migliaia di morti; quindi ha sanzionato tutte le prepotenze e i soprusi perpetrati dai più forti sui più deboli. Dalla repubblica popolare Magiara, alla Libia di Gheddafi con tanti boom che lui ha rimosso e non ricorda.
Ora lo smemorato è pure accecato e non vede il boom di Grillo che ha sotto gli occhi, in quanto spera ancora di vedere demonizzato e represso il politico genovese, come capitò ai patriotti ungheresi Nagy e a Maleter che vennero impiccati dai suoi compagni dell’epoca. Come è successo a Gheddafi e ai tanti civili sterminati dalle bombe che lui ha benedetto con boccuccia arcuata, sempre pronta  a baciare i vincitori. Quanto ai suicidi italiani, il  presidente li ignora: ha avuto la spudoratezza di affermare che in Italia non c’è esasperazione.
 Ma veniamo all’astuto Casini, altra consumata volpe. Il già pupillo di Forlani e di Berlusconi  ha  fiutato che molte cose stanno cambiando in politica e si appresta a scendere dal carro dove si trova, per  saltare sul prossimo, qualunque esso sia, purché funzionale al suo pragmatismo privo di carità, non solo cristiana ma anche umana. Si atteggia a Catone austero e morale mentre insegue l’utile, il proprio utile con una tenacia da tenia, da parassita pronto a trarre profitto da qualsiasi situazione possa prestarsi al suo tornaconto. I moderati cui certa gente fa appello stanno cominciando a capire. Rieducati dalle dure difficoltà nelle quali questa genia di politici li ha gettati come in una discarica, iniziano ad aprire gli occhi della mente e capiscono quante menzogne spacciano queste maschere grottesche che recitano la parte dei buoni pastori mentre di fatto  sono lupi rapaci e voraci.
Giovanni ghiselli  g.ghiselli@tin.it

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Le idi di marzo di Valerio Massimo Manfredi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videorecensione del professore su youtube
qui sotto: audiorecensione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
AUDIO "Le idi di marzo" di Valerio Massimo Manfredi in formato mp3, disponibile anche in formato audio wma
Le idi di marzoValerio Massimo ManfrediRelazione di narrativa di Melissa Galloni 2aD Titolo1. Il titolo del libro che ho letto questo mese è “Idi di Marzo”. Autore2. L’autore è Valerio Massimo Manfredi, un archeologo specialista in topografia del mondo antico. Ha insegnato in prestigiosi atenei in Italia e all’estero e condotto spedizioni e scavi in vari siti del Mediterraneo. Ha scritto numerosi saggi in campo accademico ed è, inoltre, autore di narrativa presso la Mondadori con ,ad esempio, “La Torre della Solitudine”, “L’ultima legione”… Riassunto3. Questo libro ripercorre gli ultimi giorni di vita di Giulio Cesare (pontefice massimo, capo militare..), che, all’età di cinquantasei anni,è ormai stanco e malato. …

Il canto dell’usignolo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto VII - ottave 32-37
Prima parte. Canti I-IV. La prima parte tratta dell’innamoramento di Venere e Adone. - Cupido, per vendetta, fa in modo che la madre si innamori di un mortale, Adone, approdato nell’isola di Cipro: dapprima Venere si innamora di lui vedendolo addormentato sulla spiaggia dove è approdato; in seguito Adone si innamora a sua volta di Venere, dopo aver curato una ferita alla gamba.   - Dopo l’innamoramento, tre personaggi, Cupido, Clizio e Mercurio si occupano dell’iniziazione di Adone, attraverso una lunga serie di esperienze estetiche. Seconda parte. Canti V-XI. In questo gruppo di canti viene descritta l’iniziazione di Adone.  - innanzitutto vi è l’iniziazione ai piaceri dei sensi: Adone viene condotto attraverso il giardino del piacere;  - quindi si passa alle delizie dell’intelletto e delle arti;  - infine Adone viene avviato alla scienza moderna; Al termine di queste esperienze Mercurio può celebrare il matrimonio tra Adone…