Passa ai contenuti principali

Lingue straniere e scuola primaria, il futuro della didattica passa dai gemellaggi elettronici


Al via la Conferenza nazionale eTwinning 2012, riuniti oltre 100 insegnanti da tutta Italia per una due giorni di formazione con autorevoli esperti nella didattica delle lingue straniere. Appuntamento il 4 e 5 maggio all’ Hotel Sheraton di Roma.

Tutto pronto per la Conferenza nazionale eTwinning, “Apprendere e insegnare le lingue con eTwinning nella scuola primaria”, l’evento nazionale organizzato dall’Unità nazionale eTwinning in programma il 4 e 5 maggio presso l’Hotel Sheraton di Roma. Una due giorni per imparare, comprendere e formarsi sull’insegnamento della lingua straniera nella scuola primaria attraverso le nuove forme di didattica rese possibili dai gemellaggi elettronici, e con la possibilità per gli alunni di praticare la lingua nel contesto reale del progetto; la formazione è dedicata esclusivamente ai docenti iscritti al portale eTwinning che intendono sviluppare nuove idee per le future collaborazioni online con classi di altri paesi.
L’inizio dei lavori è previsto per la mattina del 4 maggio, con i saluti del direttore dell’Agenzia Ansas Indire Antonio Giunta La Spada, della coordinatrice dell’Agenzia LLP Italia Sara Pagliai e del Capo Unità nazionale eTwinning Donatella Nucci. Tra i relatori saranno presenti importanti rappresentanti istituzionali ed esperti del settore, tra cui Gisella Langé, Ispettore Tecnico di Lingue straniere presso il MIUR; Daniela Cuccurullo, esperto CTS PON ambito linguistico; Silvia Minardi, Presidente associazione LEND; Raphael Gallus, Rappresentanza in Italia della Commissione Europea; oltre a docenti eTwinning che esporranno esperienze e buone pratiche di progetto: Silvana Rampone, docente della Scuola primaria di Roletto (TO) e Marina Screpanti, docente del 3° Circolo Didattico di Chieti.
Agli interventi in plenaria saranno affiancati dei lavori di gruppo, tesi allo sviluppo di competenze eTwinning negli insegnanti, soprattutto nelle fasi di ideazione e progettazione di un gemellaggio elettronico.
Parteciperanno a Roma più di 100 docenti e dirigenti scolastici da tutte le regioni italiane opportunamente selezionati attraverso una fase di candidatura. Saranno inoltre presenti i referenti regionali eTwinning presso gli Uffici scolastici regionali e alcuni ambasciatori eTwinning in servizio presso scuole primarie, che insieme collaborano per la promozione e diffusione dell’azione a livello locale.
Per assistere agli interventi della plenaria sarà attiva una ripresa live streaming, collegandosi sul sito nazionale di eTwinning Italia all’orario di inizio dei lavori. Per seguire invece su Twitter l'hashtag uffciale è #etroma12.

Cos’è eTwinning

Il portale europeo eTwinning offre un servizio gratuito ai docenti iscritti per lavorare insieme tra paesi diversi, creando progetti di gemellaggio elettronico che, grazie all’utilizzo delle nuove tecnologie e a partnership attivate a livello europeo, costituisce un’importante fonte di sperimentazione e innovazione delle pratiche di insegnamento tradizionali. Giunta al suo sesto anno di attività, eTwinning è un’azione della Commissione Europea gestita da European Schoolnet e da una rete di Unità nazionali presenti in tutti i paesi.
Maggiori informazioni sul sito nazionale www.programmallp.it/etwinning o su quello europeo www.etwinning.net.

Unità Nazionale eTwinning
Agenzia LLP - ANSAS (ex Indire)
Via Magliabechi, 1
50122 Firenze Italia
Tel +39 055 2380561 - Fax +39 055 2380584
Mail: eTwinning@indire.it

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Le idi di marzo di Valerio Massimo Manfredi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videorecensione del professore su youtube
qui sotto: audiorecensione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
AUDIO "Le idi di marzo" di Valerio Massimo Manfredi in formato mp3, disponibile anche in formato audio wma
Le idi di marzoValerio Massimo ManfrediRelazione di narrativa di Melissa Galloni 2aD Titolo1. Il titolo del libro che ho letto questo mese è “Idi di Marzo”. Autore2. L’autore è Valerio Massimo Manfredi, un archeologo specialista in topografia del mondo antico. Ha insegnato in prestigiosi atenei in Italia e all’estero e condotto spedizioni e scavi in vari siti del Mediterraneo. Ha scritto numerosi saggi in campo accademico ed è, inoltre, autore di narrativa presso la Mondadori con ,ad esempio, “La Torre della Solitudine”, “L’ultima legione”… Riassunto3. Questo libro ripercorre gli ultimi giorni di vita di Giulio Cesare (pontefice massimo, capo militare..), che, all’età di cinquantasei anni,è ormai stanco e malato. …

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…