Passa ai contenuti principali

Il lavoro – di Giovanni Ghiselli


Forse è opportuno aggiungere ai tecnicismi a volte anche oscuri che girano ovunque a proposito del lavoro, di chi non lo trova, di chi lo perde, di chi è flessibile come una canna al vento, di chi, con termine orrendo, è “esodato”, qualche parola chiara sul significato culturale e umano dell’idea, e della parola bella, “lavoro”. 

Il lavoro costituisce una parte non piccola dell’identità dell’uomo, della sua dignità e, quando è fatto bene, con cura, con amore, esso attribuisce pure alle cose da lui formate forti significati, se non anche armonia e bellezza. Da Odisseo che  costruisce con le proprie mani il letto nuziale, per giacervi con la moglie, e la zattera per tornare da lei, l’uomo è animale polymèchanos, industrioso, e non può rimanere a lungo inattivo senza ammalarsi, in certi casi addirittura senza morire. Infatti Odisseo che nell’isola di Ogigia poteva avere tutto quanto gli procurava l’amante Calipso, eternamente giovane, bella e molto innamorata di lui, ma non aveva il lavoro, né l’amore, andava a piangere sulla riva del mare, guardando l’orizzonte poiché quella vita inattiva, simile alla morte, e la ninfa immortale, non gli piacevano più.  Sono parole del V canto dell’Odissea di Omero che con questo episodio ci dà uno dei suoi insegnamenti più grandi. Ulisse che non può stare senza fare niente, e piange, è il paradigma mitico degli uomini che si disperano, in casi estremi si uccidono, poiché hanno perduto il lavoro e con tale perdita, smarriscono spesso la stima, perfino il rispetto di se stessi. E quando non lo ritrovano, talvolta cercano di recuperarlo togliendosi la vita in preda a una cieca disperazione. 
 Ma colei che ha in mano la vita di Odisseo, Calipso, lo ama, e non lo tratta come fa chi getta i lavoratori in mezzo a una strada, o in un fiume in piena facendone degli esodati, neologismo orribile, inventato per confondere, un vocabolo  che con bisticcio non troppo arbitrario evoca la parola “inondati”. Calipso dunque, pur soffrendo il distacco, voluto solo dall’amante, lo aiuta a partire, con cuore amico, in modo che possa cavarsela nella difficile traversata marina. “Ti procuro  quello che a me stessa procurerei, perché ho mente giusta e non nel mio petto non c’è un cuore di ferro, ma compassionevole ”, dice all’uomo in fuga, siccome non vuole che muoia tra le onde. Consiglio la lettura di questo episodio a donne e uomini che hanno in mano destini di donne e di uomini.
Odisseo dunque costruisce  la zattera del bramato ritorno. A Itaca lo aspetta la fedelissima moglie Penelope. Ma quando l’atteso e agognato marito arriva, pure lui agognante, la sposa stenta a riconoscerlo poiché sono trascorsi vent’anni dall’ultima volta e l’uomo ne ha passate di tutti i colori: ha patito molti dolori, prima nella guerra di Troia, poi nel ritorno sul mare “cercando di salvare la sua vita e il ritorno dei compagni”. Solo lui ce l’ha fatta, grazie alla sua intelligenza, pazienza, accortezza. Arrivato a casa sua, dove ancora  ha dovuto lottare e soffrire per eliminare i nemici interni, i proci oziosi e invadenti, finalmente seduto davanti alla moglie, le descrive il loro letto nuziale, un oggetto particolare che lo sposo aveva costruito con le sue mani su un tronco d’olivo con le salde radici fissate nel suolo, mettendoci perizia, ingegnosità e amore. Quel letto costituisce “un segno sicuro ” di riconoscimento, assume il significato di un simbolo, quello dell’intesa profonda tra un uomo e una donna. E’ il segno inoppugnabile del quale la sposa si fida. Tale è l’oggetto del lavoro e tale dovrebbe essere il lavoro stesso, una certezza di cui potersi fidare, per mettere su una casa, permettersi “il lusso” di una famiglia con dei figli. Chi non è assicurato da un impiego sicuro, saldamente radicato in un terreno solido, è in balia delle onde in un mare di inquietudini e tormenti, un pelago terribile che talvolta fa naufragare la nave dell’identità e inghiotte il naufrago, per sempre.
Giovanni Ghiselli g.ghiselli@tin.it

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…