Passa ai contenuti principali

Eticamente lecito uccidere i bambini - di Stefano Biavaschi


avatars_bambini (5)“Eticamente lecito uccidere i bambini”. E' la sorprendente tesi di due bioeticisti italiani, pubblicata sul Journal of Medical Ethics. I due personaggi sono Alberto Giubilini e Francesca Minerva, e il titolo incredibile dell'articolo è: “Aborto dopo la nascita, perché il bambino dovrebbe vivere?”.



Nello scritto i due autori, che lavorano all'Università’ di Melbourne in Australia, sostengono che i neonati non hanno lo status morale di una reale persona umana, perché sono solo “persone potenziali”. E aggiungono: “Noi affermiamo che l’uccisione di un neonato potrebbe essere eticamente ammissibile in tutte le circostanze in cui lo è l’aborto. Tali circostanze includono i casi in cui il neonato ha il potenziale per avere una vita (almeno) accettabile, ma il benessere della famiglia è a rischio”. Pertanto i due bioeticisti (se è ancora possibile chiamarli tali), sostengono che gli interessi delle persone coinvolte da una nascita sono preponderanti rispetto a quelli del bambino, che, a parer loro, andrebbe ancora chiamato “feto” dopo il parto. E aggiungono: “Se i criteri come i costi (sociali, psicologici, economici) per i potenziali genitori sono buone ragioni per avere un aborto anche quando il feto è sano, se lo status morale del neonato è lo stesso di quello del bambino e se non ha alcun valore morale il fatto di essere una persona potenziale, le stesse ragioni che giustificano l’aborto dovrebbero anche giustificare l’uccisione della persona potenziale quando è allo stadio di un neonato”.
Il ragionamento non fa una grinza: se posso ammazzare un bambino a 3 mesi o 6 mesi di
gravidanza, perché non posso ammazzarlo a 9 o anche dopo la nascita? In effetti, se siamo solo degli ammassi casuali di cellule, dei sacchi di carne deambulanti senz'anima, che valore ha la vita umana? E perché un bambino di due anni o un ragazzo dovrebbero contare qualcosa, visto che sono solo adulti potenziali? E, a questo punto, perché gli adulti dovrebbero contare qualcosa? Anzi, se elaborano queste teorie, non sono forse ancora peggiori? Infatti i due autori non fissano nemmeno più la data dell'inizio della persona: due settimane dopo la nascita? Di più? Essi si limitano a rimandare la questione a neurologi e psicologi.
Come si è potuti arrivare fino a questo punto? E come mai due italiani? In realtà si tratta di due giovani autori cresciuti già sotto la logica dell'aborto che da anni vige in Italia, rendendo normale l'idea che si possa a gradimento uccidere un concepito di 3 mesi cui batte il cuore già da diverse settimane e che ha già un tracciato encefalografico ben evidente; anzi, sappiamo bene che ottenendo qualche certificato medico in più è possibile ucciderlo anche a 4, 5, o 6 mesi: semplicemente, anziché usare il metodo Karman per aspirazione, basta utilizzare il raschiamento o l'avvelenamento con prostaglandine o perfino il taglio cesareo con estrazione. Nelle cliniche abortiste private degli Stati Uniti si è arrivati perfino a praticare il partial birth abortion, in cui si aspetta la fuoriuscita della testa per la trapanazione del cranio. A Mosca s'invitano le donne che desiderano abortire a portare a termine la gravidanza, dietro compenso, al fine di avere una maggiore quantità di materiale umano da lavorare a fini industriali e cosmetici. Esagerazioni? No, purtroppo è tutto vero.
In Olanda vige perfino il Protocollo di Groningen, che permette l'eliminazione dei neonati
“difettosi” dopo la nascita. Mancava solo, ovviamente, la proposta di Giubilini e Minerva che
prolungano logicamente il discorso, estendendolo a tempo indefinito ed anche ai neonati sani.
Ma chi sono Giubilini e Minerva? Spulciando tra i loro blog personali, Giubilini appare, in una foto, poco più che un ragazzo, indossa una felpa con una scritta mentre osserva i canguri. Ma scavando più a fondo si scopre che è nel direttivo della Consulta di Bioetica, un ente privato che si dichiara “per un'etica laica”, strettamente collegato con la UAAR, Unione degli Atei ed Agnostici Razionalisti. (Presidente di tale Consulta è stato fino a poco tempo fa Valerio Pocar, attuale Presidente Onorario della UAAR).
E Francesca Minerva? Nella foto di presentazione è una giovane donna che mostra un bel sorriso (indice che ormai certe affermazioni possono essere candidamente esternate senza nemmeno avvertire più il minimo rimorso), ma anche lei è nel direttivo nazionale della Consulta di Bioetica, anche se il suo punto di riferimento è la Chiesa Valdese.
In realtà tutta la questione non riguarda più l'aborto, bensì l'eutanasia, perché interessa il periodo di vita successivo al parto. E non a caso i due studiosi sono legati all'ambiente australiano: in Australia si sta diffondendo da qualche anno il pensiero di Peter Singer, filosofo australiano noto per il suo appoggio all'eutanasia dei bambini. Scrive Singer nella sua Tesi della Sostituibilità: “Principio generale per l'eutanasia neonatale: quando un bambino malato, oltre a comportare sofferenze e stress per i genitori, comprometterebbe la loro possibilità di avere un altro bambino, e diminuirebbe le attenzioni dedicate ai fratelli già nati, è preferibile sopprimere il bambino malato in fase neonatale e sostituirlo con un nuovo progetto creativo”. In pratica per Singer i bambini malati sono sostituibili allo stesso modo di pneumatici bucati: vanno gettati e sostituiti. (Hitler lo avrebbe gradito al suo fianco durante il suo piano eugenetico per disabili.)
E i nostri due italiani hanno logicamente aggiunto: perché solo i pneumatici bucati sono sostituibili? 
Stefano Biavaschi



Commenti

  1. Questi sono i preliminari al vero obiettivo...eliminazione di ciò che non vogliamo.non si chiama eutanasia...verbo che ha già un connotato non positivo e in parte compromesso...sostituzione ecco...si toglie di mezzo qualcuno che non ci va o non va e che abbia 30 giorno, 30 mesi o 30 anni poco conta.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…