Passa ai contenuti principali

Indiscusso il valore sociale e civile delle scuole paritarie non-profit - di Luigi Gaudio


Riportiamo un articolo di Tuttoscuola news del 27 febbraio 2012 in cui si riflette con preoccupazione, una preoccupazione che condividiamo, sul destino delle 4300 scuole dell’infanzia gestite da parrocchie o religiosi, che rischiano moltissimo a causa della possibile imposizione dell’ IMU. Il premier Mario Monti, ha
dichiarato che «l'attività (della scuola) paritaria è valutata positivamente se il servizio è assimilabile a quello pubblico», in base a quanto previsto dalla legge 62 del 2000.


Il valore pubblico di queste scuole, infatti,  non si discute, se si pensa che è solo grazie ad esse che l’Italia ha già raggiunto obiettivi imposti dall’ Europa per il 2020, che, in altri paesi, in mancanza di questo supporto esterno, mobilitano risorse e mezzi economici che l’ Italia oggi non avrebbe. Fermiamo la sperequazione e la disuguaglianza di trattamento fra gli alunni e le famiglie delle scuole statali e non statali: perché per le spese veterinarie ci sono detrazioni fiscali e per l’educazione dei propri figli le famiglie italiane non godono di alcuna detrazione? E soprattutto, perché una attività di evidente sociale, come le scuole paritarie, dovrebbe essere tassata? 
L’IMU sugli edifici della Chiesa mette a rischio 4.300 scuole dell’infanzia
Tuttoscuola – 27 febbraio 2012
La tassa sugli immobili della Chiesa sta preoccupando i cattolici, soprattutto per il rischio che possano essere colpiti gli edifici destinati ad attività no profit, come quelli destinati all’assistenza e all’istruzione.
In particolare le scuole per l’infanzia, che da sole costituiscono il 73% delle istituzioni scolastiche non statali, sono al centro delle preoccupazioni della Chiesa e del mondo cattolico, perché in quel settore si trova la maggior parte delle istituzioni il cui gestore è un ente religioso (per lo più parrocchie).
Su 9.510 scuole dell’infanzia paritarie distribuite sull’intero territorio nazionale e, in particolare nei piccoli paesi dove non è presente la scuola statale o comunale, sono ben 4.310 (oltre il 45%) le scuole gestite dalle parrocchie o da congregazioni ed enti religiosi.
Si tratta per lo più di piccole scuole (con due-tre sezioni) che svolgono una funzione sociale importante, quasi sempre in sostituzione o ad integrazione dell’intervento statale.
I loro bilanci sono quasi sempre costituiti da poche voci: da una parte le entrate rappresentate dal contributo statale (erogato normalmente in ritardo e di valore effettivo in decremento) e dalle rette delle famiglie, e dall’altra i costi di gestione per personale e servizi.
Il pareggio di bilancio è spesso un obiettivo pressoché irraggiungibile.
Se l’IMU per gli immobili della Chiesa verrà applicata anche agli edifici che ospitano quelle scuole dell’infanzia, il rischio di chiusura dell’attività scolastica per molte di esse potrebbe farsi concreto.
A quel punto lo Stato o i Comuni dovrebbero farsi carico di organizzare il servizio per tutti gli studenti che oggi frequentano quegli istituti, ad un costo medio per alunno che va dai circa 6 mila euro l’anno per le scuola dell’infanzia e primarie agli oltre 7 mila euro per quelle secondarie. Certo lo Stato risparmierebbe per gli istituti in chiusura il contributo per le paritarie, che però è di meno di 600 euro per alunno per le scuole dell’infanzia e di 51 euro per le secondarie superiori. Conviene?

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…

Sul fondo da Se questo è un uomo di Primo Levi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videolezione del professore su youtube
qui sotto: audiolezione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
Lettura del brano "Sul fondo" tratto dal secondo capitolo del romanzo Se questo è un uomo di Primo Levi in formato wma
Se questo è un uomoPrimo Levi relazione di narrativa di Emiliano Ventura - Seconda DVITA E BIBLIOGRAFIA DELL’AUTOREPrimo Levi nasce a Torino il 31 luglio 1919 da Cesare Levi e da Ester Luzzati. A partire dal 1934 comincia a frequentare il Ginnasio-Liceo “D’Azeglio” dove mostra una buona disposizione per le materie scientifiche. Ottenuta la licenza liceale si iscrive all’Università torinese dove frequenta la facoltà di Scienze e si laurea nel 1941.
Trova subito lavoro come chimico in una cava d’amianto e l’anno dopo entra in un’industria farmaceutica di Milano, la Wander. Nel 1943 lascia questo lavoro per prendere parte alla Resistenza e partecipa ad un’azione clamorosa ai danni della milizia fascista di Ivr…