Passa ai contenuti principali

100 giorni di Profumo .. la puzza di stantio è inalterata - di Enrico Maranzana


Una titolazione così perentoria deriva dall’inventariazione dei due principali nodi problematici della scuola: nulla è stato fatto per la loro soluzione, anzi,  è mancata perfino  la loro percezione.

La filosofia anarchica e l’individualismo, che identificano la loro controparte nello Stato, non hanno subito scalfitture: nella scuola la volontà del legislatore è sempre stata sistematicamente travisata e sterilizzata, risolta nella sola compilazione di carte di lampante inutilità[1]. 
La ristrutturazione del sistema scolastico è iniziata sull’onda della protesta del 68. I decreti delegati del 1974, per arginare l’onda distruttiva, hanno sposato la dottrina scientifica per riorganizzare l’assetto scolastico.
L’hanno ridisegnato assegnando funzioni e compiti a organismi[2]:
·        strategici che, curando il rapporto con la società, elaborano e adottano gli indirizzi generali per orientare il servizio alla promozione di  comportamenti utili all’inserimento dei giovani in un contesto in frenetica evoluzione;
·        tattici che, attraverso la programmazione dell’azione educativa, ipotizzano e controllano i percorsi d’apprendimento;
·        di coordinamento che intrecciano i diversi insegnamenti per farli convergere verso traguardi comuni;
·        operativi che progettano i lavori di classe per concretizzare le decisioni che, collegialmente, sono state assunte.

E’ innegabile l’insolvenza del mandato ricevuto dagli organi della scuola.

Quali motivazioni hanno portato alla sua elusione?

1.     I dirigenti scolastici non hanno mai accettato che un genitore fosse posto a capo dell’organismo strategico e, da quarant’anni, stanno combattendo una battaglia per riconquistare centralità nella gerarchia della scuola. La loro vittoria è a portata di mano: il DDL Aprea, in discussione nella commissione cultura della camera e il progetto sperimentale VALeS[3] tendono a reintrodurre un obsoleto modello organizzativo di cui il preside è l’architrave.
Scelta irrazionale: in presenza di situazioni complesse l’inefficacia di tale struttura decisionale è accertata e universalmente accettata.
Il fallimento del riordino strutturale della scuola deriva dalla mancata redazione, da parte dei dirigenti scolastici, di ordini del giorno atti a mettere gli organi di governo di fronte alle loro responsabilità.

2.     I docenti non possiedono professionalità.
Per comprendere l’oggetto del mandato loro conferito si deve far riferimento alla struttura decisionale della scuola che, nell’ordine, affronta i problemi formativi, quelli educativi, dell’istruzione e finalmente quelli dell’insegnamento.
I docenti, limitando al solo insegnamento il campo di loro pertinenza, impediscono, nei fatti, l’orientamento e il controllo del servizio scolastico.
E’ una scelta di comodo: è bello delegare alle case editrici le responsabilità progettuali; genera sicurezza l’aver come modello l’università. Si tratta di un riferimento inadeguato, che non tiene in alcuna considerazione il fatto che l’insegnamento universitario ha un orientamento diametralmente opposto a quello della scuola:  istruzione .. formazione .. educazione sono gli “stati” del procedere di quest’ultimo.
Da un lato un sistema finalizzato alla promozione delle capacità dei giovani[4], dall’altro un’organizzazione con a cardine la conoscenza.

In  questo contesto deve essere collocata la trionfale introduzione alle nuove tecnologie dell’informazione: non sono nuovi supporti per veicolare informazioni ma spazi virtuali in cui idee, razionalmente concepite, sono messe alla prova.  Strumenti per la finalizzazione della didattica.


[1] Cfr ad esempio in rete  “Voti, valutazione, insufficienze: parole che offuscano il problema educativo”
                                            “Libertà di insegnamento, ovvero i bamboccioni”
[2] CFR in rete “Coraggio! Organizziamo le scuole”
[3] CFR in rete “ VALeS un progetto concepito da persone che non conoscono le regole del gioco”
[4] CFR art. 2 legge 53/2003

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…