Passa ai contenuti principali

Eretici e corsari - di Luigi Gaudio

È il titolo dello spettacolo teatrale che abbiamo visto al Piccolo Teatro di Milano. Il titolo rimanda ad alcuni scritti di Pasolini, ma la sintonia tra Pasolini, Gaber e Luporini si gioca tutta attraverso il comune denominatore di un altro termine, illuminante e omnicomprensivo: anticonformismo.
Pasolini, Gaber e Luporini, infatti, sono accomunati da un singolare, irriducibile, persino ostinato anticonformismo. Me li immagino oggi irridere ai nostri conformismi, davanti al governo Monti, davanti alla morte di Steve Jobbs e di Giorgio Bocca, salutati come santoni universali dei giorni d’oggi, l’ultimo poi emblema del più conformista e osannato dei giornali italiani dalla intellighenzia dominante. Me li immagino già, soprattutto, che irridono i loro stessi interpreti, i quali indulgono ad un conformismo di lettura, nel senso che ormai c’è un modo di leggere Pasolini e Gaber, che è conformista, che privilegia certe canzoni di Gaber, o certi testi (“Qualcuno era comunista” e “Io se fossi Dio” fra tutti) e tace di altro, ben più scomodo e seccante per chi ha deciso che cosa oggi bisogna pensare, votare, osannare e criticare. Si è trattato comunque di uno spettacolo stimolante, malgrado i limiti della sceneggiatura, grazie anche alla maestria di Neri Marcorè, che ha  interpretato benissimo alcune canzoni che noi amiamo particolarmente, come la commovente e profonda “Canzone dell’appartenenza” o l’illuminante “La presa del potere”, che anticipa di quarant’anni la presa del potere da parte del governo attuale dei tecnocrati. Speriamo solo che uno spettacolo del genere sia uno stimolo ad essere davvero eretici e corsari, correndo i rischi che questo comporta, scoprendo che paradossalmente c’è un modo ortodosso di essere eretici.

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…