Passa ai contenuti principali

Concorso DS: le otto ore della discordia - di Gennaro Capodanno

Otto ore per ciascuna delle due prove scritte. Un tempo lunghissimo, specialmente se rapportato ai 100 striminziti minuti concessi nella prova preselettiva, per rispondere ai 100 quiz tratti dal librone.
Ma quando e dove andava fissato tale tempo? Nel precedente corso-concorso, quello per intenderci bandito nel 2004, il tempo per ciascuna delle due prove, stesura del saggio e predisposizione del progetto, era indicato in sei ore, nell’articolo 11 del relativo bando. Invece, nel bando dell’attuale concorso, emanato con D.D.G.  del 13.7.2011, questo dato risulta omesso, laddove, per prassi, in un decreto che indice un bando di concorso o stabilisce una prova scritta, la durata è espressamente indicata. A colmare la lacuna ci ha pensato la recente nota, prot. n. AOODGPER.9008 - datata 4.11.2011 ed indirizzata ai direttori generali degli uffici scolastici regionali -  della Direzione Generale per il Personale scolastico, Ufficio II, del Dipartimento per l'Istruzione del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, avente per oggetto: “ Concorso dirigenti scolastici - Individuazione date prove scritte “. In verità, leggendo il contenuto, nell’oggetto sarebbe stato necessario aggiungere “ e durata di tali prove ”, perché è appunto nella succitata nota che se ne determina la durata in otto ore. Una semplice dimenticanza?  Si potrebbe pensare che si sia voluto glissare su di una precisa carenza del bando, che avrebbe potuto aprire la strada anche a problemi di carattere giuridico. Se, come ritengo, la durata di ciascuna delle due prove doveva già essere fissata nel decreto che bandiva il concorso, ponendola così anticipatamente a conoscenza di quanti dovevano decidere se parteciparvicosì come fatto, peraltro, per la prova preselettiva, per la quale, al punto 8. dell’articolo 8 del bando, si fissa in 100 minuti la durata, la sua indicazione con una nota successiva sia alla presentazione della domanda sia allo svolgimento della prova preselettiva, potrebbe sollevare questioni, che andrebbero ad aggiungersi a quelle, ben note, che stanno producendo la presentazione di alcune migliaia di ricorsi da parte di coloro che o non hanno  partecipato alla prova preselettiva o non sono risultati idonei alla stessa.
Gennaro Capodanno
gennarocapodanno@gmail.com
Fondatore del gruppo:“ Concorso per dirigente tecnico e per dirigente scolastico “
Iscritti: n. 355

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…

Sul fondo da Se questo è un uomo di Primo Levi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videolezione del professore su youtube
qui sotto: audiolezione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
Lettura del brano "Sul fondo" tratto dal secondo capitolo del romanzo Se questo è un uomo di Primo Levi in formato wma
Se questo è un uomoPrimo Levi relazione di narrativa di Emiliano Ventura - Seconda DVITA E BIBLIOGRAFIA DELL’AUTOREPrimo Levi nasce a Torino il 31 luglio 1919 da Cesare Levi e da Ester Luzzati. A partire dal 1934 comincia a frequentare il Ginnasio-Liceo “D’Azeglio” dove mostra una buona disposizione per le materie scientifiche. Ottenuta la licenza liceale si iscrive all’Università torinese dove frequenta la facoltà di Scienze e si laurea nel 1941.
Trova subito lavoro come chimico in una cava d’amianto e l’anno dopo entra in un’industria farmaceutica di Milano, la Wander. Nel 1943 lascia questo lavoro per prendere parte alla Resistenza e partecipa ad un’azione clamorosa ai danni della milizia fascista di Ivr…