Passa ai contenuti principali

Ma perché ce l'hanno tutti con l'Invalsi? – di Luigi Gaudio

I risultati dei sondaggi che io stesso ho lanciato sul blog Atuttascuola 2.0 sono per me sconfortanti
Infatti la maggior parte dei votanti ha espresso una feroce critica nei confronti dell'Invalsi.

Analizziamo i dati dei due sondaggi:
Sondaggio n.1


Grafico Sondaggio n.1


Sondaggio n.2

Grafico Sondaggio n.2
Come si vede, circa la metà degli intervistati ritiene che le Prove Invalsi siano inutili e inaffidabili e che non devono mai fare media con i voti presi durante l'anno, perche sono prove calate dall'alto.
Io personalmente non condivido tale sfiducia, poiché conosco in prima persona la cura e la disponibilità degli esperti dell'Invalsi, e dei docenti che si prodigano, spesso gratuitamente, per testare le prove.
Infatti, sono uno dei più convinti sostenitori della necessità di un Sistema Nazionale di Valutazione, e di un Istituto che faccia i rilevamenti, non solo degli apprendimenti degli studenti.
Per me occorrerebbe valutare tutti: i docenti, i dirigenti, le scuole e il sistema.
Solo un sano benchmarking, solo un'analisi del valore aggiunto dei percorsi formativi, può spingere il sistema al miglioramento e alla ripresa degli aspetti essenziali del curriculum.
Certamente il progetto è ambizioso, ed è velleitario pensare di realizzarlo con pochi fondi, con poche persone. Sappiamo infatti che il personale direttamente dell'Istituto è scarso.
Tuttavia, spero che anche tutti quelli che si sono mostrati così critici l'abbiamo fatto non per scardinare l'Invalsi, ma per riformarlo in meglio. Come ha scritto Maurizio Tiriticco su Scuola Oggi: "Un Invalsi indifendibile sì, ma… per un Invalsi che funzioni!".
Invitiamo adesso a partecipare ai nuovi sondaggi sui TFA.
I TFA (Tirocini Formativi Attivi) sono un ottimo sistema di formazione dei giovani docenti, una assurda limitazione delle abilitazioni (erano meglio le SSIS), oppure il principio con cui sono stati concepiti i TFA è giusto, ma la realizzazione discutibile?
Inoltre, chi dovrebbe selezionare i nuovi docenti? I docenti esperti della scuola, le commissioni in sede di concorso, le università o i dirigenti scolastici?
Partecipa anche tu ai sondaggi a fianco in alto a sinistra, ed esprimi liberamente il tuo voto!

Luigi Gaudio
se vuoi tenerti informato sulle cose che faccio, sottoscrivi la newsletter gaudio.org in questa pagina web http://www.gaudio.org/news/?p=subscribe&id=1 e conferma l'iscrizione cliccando sulla email di conferma

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Sciatteria nelle nomine delle commissioni esami di stato - di Paolo Marsich

Per dare un’idea della serietà con cui i burocrati del Ministero dell’Istruzione gestiscono l’Esame di Stato (ex Maturità), basterebbe considerare questi esempi di come sono state composte le commissioni: a esaminare in Storia studenti di indirizzi liceali e tecnici in cui la materia viene insegnata dal docente di Italiano (classe di concorso A050), sono stati mandati docenti di Italiano e Latino (classe A051) che, per quanto in possesso di abilitazione anche all’insegnamento di Storia, ottenuta magari trent’anni fa, Storia al triennio non l’hanno mai insegnata; viceversa a esaminare in Italiano e Latino studenti del Liceo Scientifico sono stati mandati insegnanti privi di abilitazione in Latino (classe A050). E ancora, a esaminare in Letteratura italiana studenti dei licei classici sono stati mandati insegnanti di Greco e Latino (classe A052) che, per quanto in possesso di abilitazione anche in Italiano, ottenuta anche questa magari trent’anni fa, Letteratura italiana al triennio no…