Passa ai contenuti principali

Concorso per Dirigenti scolastici: discriminato il Nord - di Silos Ignance

Nel Concorso per Dirigenti Scolastici, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 4a serie speciale n.56, appare discriminatissimo il NORD Italia, a cominciare dal Veneto. Non ingannino i numeri. Qualcuno potrebbe dire che in Lombardia ci sono 355 posti, mentre in Calabria i posti sono 108. In realtà nessuno fa osservare che in Lombardia vivono 9,9 Milioni di persone, mentre in Calabria vivono 2,0 Milioni di persone.

Analizzando il numero dei posti banditi e rapportato su 1 Milione di abitanti la situazione è scandalosa ed è la seguente:

Regione
Numero di posti su 1.000.000
Numero di posti
messi a concorso
Popolazione
BASILICATA
71,6
42
587.000
PUGLIA
57,7
236
4.091.000
CALABRIA
53,7
108
2.011.000
SARDEGNA
51,9
87
1.675.000
ABRUZZO
50,7
68
1.342.000
MOLISE
50,2
16
319.000
LIGURIA
44,6
72
1.616.000
UMBRIA
38,6
35
906.000
PIEMONTE
38,6
172
4.457.000
CAMPANIA
38,4
224
5.834.000
LAZIO
37,5
215
5.728.000
LOMBARDIA
35,8
355
9.917.000
EMILIA ROMAGNA
34,5
153
4.432.000
MARCHE
33,9
53
1.565.000
VENETO
31,4
155
4.937.000
TOSCANA
29,9
112
3.749.000
Insomma le possibilità di diventare Dirigente scolastico sono per un pugliese il doppio rispetto a un toscano e in Basilicata vi è il doppio delle possibilità rispetto alla Lombardia.  
Sorprende molto che le regioni particolarmente fortunate sono, nell’ordine, Basilicata, Puglia e Calabria. Insomma tutte del Sud Italia. Che si voglia spingere per una nuova forma di emigrazione, questa volta, dal Nord al Sud?

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…