Passa ai contenuti principali

Inserimento graduatorie? La maggioranza era per la coda

Qual è il metodo di inserimento più corretto nelle graduatorie?
Riportiamo l'esito di un sondaggio realizzato su atuttascuoladuepuntozero nei mesi di marzo-maggio 2011
Abbiamo chiesto ai visitatori di atuttascuoladuepuntozero qual e' il metodo di inserimento più' corretto nelle graduatorie
Ormai, in un certo senso, il nostro sondaggio è stato superato dagli eventi, e la vicenda delle graduatorie si è conclusa (ma è poi conclusa veramente?) a favore del pettine, a suon di sentenze della Consulta, decreti, ecc...
Comunque, nel corso dei 50 giorni del sondaggio, hanno risposto 115 docenti, così distribuiti:
per 42 di essi, pari al 36 %, il metodo di inserimento più corretto nelle graduatorie è il pettine
per 73 di essi, pari al 63 %, il metodo di inserimento più' corretto nelle graduatorie è la coda.

Lasciamo ai sociologi di valutare nel dettaglio questi dati, che presentano però un quadro sorprendente, perché in linea non con il parere dei sindacati "storici" dei precari (es. ANIEF) o con le sentenze dei tribunali, ma, paradossalmente, in sintonia  con la linea del governo, che ha da sempre prediletto il metodo della "coda" per non snaturare il carattere "regionale" e consolidato delle graduatorie, con le immissioni a pettine.
Partecipiamo ai due nuovi sondaggi di atuttascuola dei prossimi due mesi, entrambi sulle Prove Invalsi. Nel primo ci si chiede se le Prove Invalsi sono utili e affidabili , oppure inutili in tutto o in parte. Nel secondo si vuole verificare se i risultati delle Prove Invalsi dovrebbero fare media con i voti presi durante l'anno.

Commenti

Post popolari in questo blog

Eticamente lecito uccidere i bambini - di Stefano Biavaschi

“Eticamente lecito uccidere i bambini”. E' la sorprendente tesi di due bioeticisti italiani, pubblicata sul Journal of Medical Ethics. I due personaggi sono Alberto Giubilini e Francesca Minerva, e il titolo incredibile dell'articolo è: “Aborto dopo la nascita, perché il bambino dovrebbe vivere?”.

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Concorso dirigenti: appunti di studio

L'ultima mia fatica di studio in vista del concorso l'ho riversata come al solito sul sito www.atuttascuola.it e credo che possa essere utile, in mancanza di una testo ufficiale del ministero di preparazione al concorso.