Passa ai contenuti principali

Prove INVALSI: l’accento sulla esperienza della realtà - di Luigi Gaudio

C'è una cosa cui ci costringono le prove INVALSI, che nel prossimo mese di maggio riguarderanno non più solo le scuole del primo ciclo, ma anche quelle del secondo ciclo: ed è fare i conti con la realtà, con l'esperienza.

Il limite della scuola italiana, lo si è sempre detto, è proprio la distanza dalla realtà, l'autoreferenzialità, per cui quello che sa fa a scuola rischia di non avere niente a che fare con quello che avviene fuori dalla scuola. Si crea così un mondo a parte, con le sue leggi, le sue regole, che nulla hanno a che vedere con il resto della vita. Ebbene, le prove INVALSI ci costringono invece a rivedere il nostro curriculum, a rapportarlo più saldamente con la realtà, e questo in tutte le materie oggetto dei test.
Anzitutto in Italiano, poiché l'accento è posto sui testi, sulla comprensione dei testi e, e non sulla terminologia narratologica fine a se stessi (punto di vista, flashback, ecc….).
Poi in matematica, soprattutto in matematica.
In generale, o le materie scientifiche ci aiutano ad affrontare la realtà, con tutti i suoi problemi quotidiani e spesso imprevedibili, oppure non hanno senso.
Per questo o il docente è lui il primo a fare esperienza, a fare quotidiane esperienze, in cui mette in gioco i criteri e i metodi che propone ai suoi alunni, oppure il suo ruolo è ininfluente, se non addirittura negativo, per la formazione del ragazzo.
È venuto il momento in cui lasciare da parte gli schemi mentali da moltiplicare, e far entrare prepotentemente a scuola la realtà.

Attenzione, però: non è detto che ci sono alcune materie privilegiate in questo affronto diretto della realtà (es. chimica, tecnologia, fisica) ed altre pregiudizialmente astratte 8es. matematica o filosofia).
Può essere astratto anche il modo in cui si pone un insegnante di chimica.
D'altra parte, la realtà non è fatta solo di fenomeni fisici, chimici, ma è fatta anche dell'uomo. La realtà di cui parla la matematica, per esempio,  è il soggetto uomo. La matematica non sussisterebbe se non fosse lo sguardo dell'uomo sulla realtà. La matematica corrisponde ad una serie di rappresentazioni della realtà da parte dell'uomo. Non bisogna credere che l'astrazione non abbia alcun rapporto con la realtà. L'astrazione matematica non allontana dalla realtà.

Scusate il gioco di parole, ma se il discorso sembra un po' astratto, invito a provare qui sotto, per verificare in concreto:

 

  • Esempi di prova per la scuola secondaria di secondo grado






  •  
    Luigi Gaudio



    Commenti

    Post popolari in questo blog

    Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

    Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

    Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

    Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
    42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

    Sciatteria nelle nomine delle commissioni esami di stato - di Paolo Marsich

    Per dare un’idea della serietà con cui i burocrati del Ministero dell’Istruzione gestiscono l’Esame di Stato (ex Maturità), basterebbe considerare questi esempi di come sono state composte le commissioni: a esaminare in Storia studenti di indirizzi liceali e tecnici in cui la materia viene insegnata dal docente di Italiano (classe di concorso A050), sono stati mandati docenti di Italiano e Latino (classe A051) che, per quanto in possesso di abilitazione anche all’insegnamento di Storia, ottenuta magari trent’anni fa, Storia al triennio non l’hanno mai insegnata; viceversa a esaminare in Italiano e Latino studenti del Liceo Scientifico sono stati mandati insegnanti privi di abilitazione in Latino (classe A050). E ancora, a esaminare in Letteratura italiana studenti dei licei classici sono stati mandati insegnanti di Greco e Latino (classe A052) che, per quanto in possesso di abilitazione anche in Italiano, ottenuta anche questa magari trent’anni fa, Letteratura italiana al triennio no…