Passa ai contenuti principali

Meglio le indicazioni nazionali delle Linee Guida – di Luigi Gaudio

Osservando i documenti del riordino del secondo ciclo, siamo arrivati alla conclusione che, nell'ottica delle competenze, le Indicazioni Nazionali dei Licei diano più spunti utili agli insegnanti rispetto alle Linee Guida dei Tecnici e dei Professionali.

Qualcuno sbrigativamente, o ideologicamente, perché gli è antipatico Max Bruschi, o chissà per quale altro motivo, va dicendo in giro che le Indicazioni Nazionali dei Licei sono scritte secondo la vecchia logica dei programmi, mentre le Linee Guida dei Tecnici e dei Professionali indirizzano verso una scuola delle competenze.
Io non sarei così schematico nel separare il bene dal male.
Diciamo che il Riordino dei Licei ha avuto un iter diverso rispetto a quello dei Tecnici e dei Professionali, ma sul versante delle competenze le indicazioni nazionali danno una direzione di lavoro più dettagliata rispetto alle Linee Guida, e sarebbe pregiudiziale e ideologico dire che non cambiano nulla, senza averli letti.
Facciamo un esempio concreto relativo alla mia disciplina di insegnamento (lettere nel liceo).
Essi suggeriscono (sono indicazioni, non sono prescrizioni obbligatorie) che nell'ottica delle competenze vale la pena di puntare più su alcuni aspetti della lingua (semantica, lessico) che non su altri (sintassi dei casi e del periodo).
Oppure consigliano di puntare più sulla comprensione dei testi che non sull'analisi narratologica.
Questo è un aiuto concreto per far sì che i nostri ragazzi acquisiscano le competenze di lettura e la padronanza della lingua italiana, quindi, in un certo senso, aiutano maggiormente i docenti ad abbandonare una didattica per conoscenze ed abbracciarne una per competenze, rispetto alle Linee Guida dei Tecnici e dei Professionali, troppo generiche al riguardo, con il rischio di lasciare proprio chi avrebbe più bisogno di concretezza (gli alunni dei tecnici e dei professionali), nella prosecuzione dell'esistente status quo.


Luigi Gaudio

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…