Passa ai contenuti principali

Ginnasio o Liceo? - di Andrea Del Ponte

Con quanta rapidità ci siamo convertiti alla silenziosa eutanasia del nobile e antico termine “ginnasio”! Eppure molti di noi in gioventù sono stati “ginnasiali” e per lunghi anni di carriera, fino all’anno scorso, hanno insegnato “al ginnasio”.
Dovremmo avere tutti maturato un forte e profondo legame affettivo, prima ancora che culturale, con questa parola che, a partire dalla Legge Casati (1859), ha sempre designato in Italia il biennio della scuola superiore a indirizzo classico (come noto, nel 1940 la legge Bottai istituì poi la scuola media unica, rinominando le prime tre classi ginnasiali: ma sono sopravvissute fino al 2010 le anacronistiche definizioni di IV e V ginnasio). Alle soglie dell’unità d’Italia Casati aveva voluto infatti dotare il Paese di un sistema scolastico che potesse aspirare alla grandezza di quello tedesco, che da secoli vantava un Gymnasium in cui si studiava il greco e che aveva forgiato generazioni di uomini colti e preparati. Tuttora in Austria e in Germania il Gymnasium è una realtà vivissima che offre ai ragazzi dagli 11 ai 18 anni la miglior preparazione possibile, orientata al proseguimento degli studi a livello accademico. 


Lasciare per strada il termine “ginnasio”, come se fosse un’appendice vecchia e inutile, è un errore. Non si tratta certo di una questione puramente nominalistica, quasi si trattasse di un pennacchio superfluo. La potenza evocativa che emana è antichissima e intensa. Il gymnasion era uno dei grandi simboli della civiltà greca: un crocevia di esperienze in cui l’attività fisica dei giovani s’intrecciava al dialogo con gli adulti su tutte le discipline più formative, in preparazione alla vita da cittadini. Similmente, il “ginnasio” modernamente inteso è una palestra educativa e conoscitiva in cui con fatica di esercizio, impegno mnemonico, attenzione e costanza, il “ginnasiale” si prepara a spiccare il volo  intellettuale, nel Liceo che lo attende, a diretto contatto con gli autori e con il pensiero umanistico e scientifico. E “classico” è il Liceo in quanto sa trasmettere valori esemplari, paradigmatici, perennemente validi, “classici” appunto.
Si dirà: ma i tempi cambiano, è giunta l’ora di mettere in soffitta certe anticaglie, di guardar oltre. Anzi, proprio il Governo, con la riforma Gelmini, ha rivisto e aggiornato i vecchi licei, istituendone sei – diversi ovviamente nel nome e nei contenuti – ma tutti uguali quanto alla durata: quinquennali, dal primo al quinto liceo.  E quindi, anche nel Classico, si entra in prima e si esce in quinta.
Invece no: il D.P.R. n. 89 del 15 marzo 2010, a firma Napolitano, decreta che il primo biennio “mantiene la denominazione di ginnasio”. Lo puoi leggere in allegato. Per fortuna, la legge difende il liceo classico, almeno formalmente, dall’omologazione agli altri licei, sottolineandone l’innegabile peculiarità di carattere storico, culturale, formativo.
Alcuni Licei classici italiani hanno frettolosamente liquidato la denominazione di “Ginnasio”, altri – per buona sorte la maggioranza - continuano invece a fregiarsene. Credo che dobbiamo a tutti i nostri studenti che hanno scelto la difficile strada degli studi umanistici l’onore di poter continuare a dirsi “ginnasiali” (di prima e seconda) e “liceali” (di prima, seconda e terza). Tu cosa pensi?

                                                                                                 ANDREA DEL PONTE   

Allegato:

D.P.R. n. 89 del 15 marzo 2010Regolamento recante revisione dell’assetto ordinamentale, organizzativo e didattico dei liceia norma dell’articolo 64, comma 4, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112,
convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133

(G. U. del 15-6-2010, Suppl. Ordinario n. 128)
 
 …omissis…

Art. 5 - Liceo classico
1. Il percorso del liceo classico è indirizzato allo studio della civiltà classica e della cultura umanistica. Favorisce una formazione letteraria, storica e filosofica idonea a comprenderne il ruolo nello sviluppo della civiltà e della tradizione occidentali e nel mondo contemporaneo sotto un profilo simbolico, antropologico e di confronto di valori. Favorisce l’acquisizione dei metodi propri degli studi classici e umanistici, all’interno di un quadro culturale che, riservando attenzione anche alle scienze matematiche, fisiche e naturali, consente di cogliere le intersezioni tra i saperi e di elaborare una visione critica della realtà. Guida lo studente ad approfondire ed a sviluppare le conoscenze e le abilità e a maturare le competenze necessarie.
2. L’orario annuale delle attività e degli insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti è di 891 ore nel primo biennio, che mantiene la denominazione di ginnasio, corrispondenti a 27 ore medie settimanali, e di 1023 ore nel secondo biennio e nel quinto anno, corrispondenti a 31 ore medie settimanali.

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…

Sul fondo da Se questo è un uomo di Primo Levi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videolezione del professore su youtube
qui sotto: audiolezione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
Lettura del brano "Sul fondo" tratto dal secondo capitolo del romanzo Se questo è un uomo di Primo Levi in formato wma
Se questo è un uomoPrimo Levi relazione di narrativa di Emiliano Ventura - Seconda DVITA E BIBLIOGRAFIA DELL’AUTOREPrimo Levi nasce a Torino il 31 luglio 1919 da Cesare Levi e da Ester Luzzati. A partire dal 1934 comincia a frequentare il Ginnasio-Liceo “D’Azeglio” dove mostra una buona disposizione per le materie scientifiche. Ottenuta la licenza liceale si iscrive all’Università torinese dove frequenta la facoltà di Scienze e si laurea nel 1941.
Trova subito lavoro come chimico in una cava d’amianto e l’anno dopo entra in un’industria farmaceutica di Milano, la Wander. Nel 1943 lascia questo lavoro per prendere parte alla Resistenza e partecipa ad un’azione clamorosa ai danni della milizia fascista di Ivr…