Passa ai contenuti principali

Concorso Dirigenti Scolastici: batteria di test - di Luigi Gaudio


TEST GRATIS DIVISI PER LE AREE DELLA PROVA PRESELETTIVA QUI SOTTO:

http://www.atuttascuola.it/risorse/burocrazia/dirigere_le_scuole.htm

Nel corso di una riunione di martedì 3 maggio 2011 presso il MIUR, su richiesta esplicita delle associazioni dei dirigenti scolastici DISAL e ANDIS, i rappresentanti del ministero hanno confermato e assicurato la pubblicazione di una batteria di circa 5000 (cinquemila) test, all’interno dei quali saranno selezionati i 100 test da somministrare nel corso della prova preselettiva, che, stando alla tempistica dettata dal MIUR, dovrebbe essere il 15 settembre 2011.
In realtà queste batterie non sarebbero solo un aiuto per le migliaia di aspiranti, ma costituirebbero una forma di preparazione del personale, la garanzia che su alcuni aspetti imprescindibili i prossimi dirigenti avranno conoscenze consolidate e una buona formazione (cosa non scontata, se ripercorriamo la storia del reclutametno dei dirigenti in Italia fino ad oggi).
Del resto, basterebbe integrare (con le materie mancanti) i test già predisposti per i DSGA, e qui sotto riportati, per risolvere il problema:

Ma, si sa, in Italia, anche le cose evidenti a tutti e piene di valide motivazioni sono subordinate ad altri interessi.

Riportiamo qui sotto un articolo dell'ADI (Associazione Docenti Italiani) con alcune riflessioni condivisibili sui test:
Forse risolto il giallo della pubblicazione dei test per il concorso a dirigente scolastico: si faranno !
ADI - 10 maggio 2011
La preventiva pubblicazione dei test per la prova preselettiva per il concorso a dirigente scolastico  rischiava di diventare un giallo. Ora pare definitivamente risolta. Questa la successione delle informazioni fino ad oggi:
Prima informazione (30 marzo 2011): il test preselettivo sarà preceduto dalla pubblicazione di un congruo numero di test, come avviene per altri settori della Pubblica Amministrazione
Seconda informazione (20 aprile 2011): Contrordine, non c’è tempo per impostare una preventiva pubblicazione dei test.

Terza informazione (3 maggio 2011): i test per la prova preselettiva saranno pubblicati anticipatamente nel numero di 5000. Tra questi ne saranno scelti 100. E’ stato affermato che è prassi nella Pubblica Amministrazione pubblicare un numero di test 50 volte superiore al numero di quelli della prova, questa la ragione dei 5000.
Noi crediamo che la predisposizione di un concorso, che avrebbe dovuto essere svolto più di 6 anni fa e di cui si parla ufficialmente da 2 anni, avrebbe potuto dare più certezze ai concorrenti, fornendo tempestive e inequivocabili informazioni sulle modalità di espletamento delle varie prove, senza arrivare con l’acqua alla gola a meno di un mese dalla pubblicazione del bando.  Ma ora è inutile piangere sul latte versato.

Alcune considerazioni sulla pubblicazione della batteria di test
Abbiamo sempre sostenuto la giustezza della scelta, ormai consolidata nella Pubblica Amministrazione, della pubblicazione preventiva delle batterie di test con relativa risposta. A questo riguardo dobbiamo però esprimere
almeno due considerazioni:
1) Non esiste obbligo, per quanto sappiamo, che i test pubblicabili siano 5000. Ci  sono stati sicuramente concorsi in cui la batteria pubblicata era di 5000 quiz, ma ne esistono altri in cui era di 3000 o 4000.  Crediamo che  in questo caso sarebbe molto più ragionevole attestarsi sui 3000/4000.

2) In tutti i concorsi, di cui abbiamo potuto verificare i bandi, era indicato che la batteria di quiz veniva pubblicata o 60 giorni prima della prova o 45 giorni prima. Abbiamo trovato un solo caso in Sardegna in cui la pubblicazione era prevista “almeno 20 giorni prima della prova preselettiva”. Se, come ci si augura, saranno rispettati i tempi indicati, che prevedono lo svolgimento della preselezione il 15 settembre 2011, bisognerebbe che la pubblicazione delle batterie di test avvenisse al massimo entro la fine di luglio.
Di queste istanze ci faremo portavoci presso il MIUR

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…

Sul fondo da Se questo è un uomo di Primo Levi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videolezione del professore su youtube
qui sotto: audiolezione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
Lettura del brano "Sul fondo" tratto dal secondo capitolo del romanzo Se questo è un uomo di Primo Levi in formato wma
Se questo è un uomoPrimo Levi relazione di narrativa di Emiliano Ventura - Seconda DVITA E BIBLIOGRAFIA DELL’AUTOREPrimo Levi nasce a Torino il 31 luglio 1919 da Cesare Levi e da Ester Luzzati. A partire dal 1934 comincia a frequentare il Ginnasio-Liceo “D’Azeglio” dove mostra una buona disposizione per le materie scientifiche. Ottenuta la licenza liceale si iscrive all’Università torinese dove frequenta la facoltà di Scienze e si laurea nel 1941.
Trova subito lavoro come chimico in una cava d’amianto e l’anno dopo entra in un’industria farmaceutica di Milano, la Wander. Nel 1943 lascia questo lavoro per prendere parte alla Resistenza e partecipa ad un’azione clamorosa ai danni della milizia fascista di Ivr…