Passa ai contenuti principali

Valutiamo la sperimentazione sulla valutazione - di Luigi Gaudio

Una volta conclusa la partita della sperimentazione della valutazione dei docenti ad opera degli stessi docenti, proviamo a fare le pagelle dei vari uomini in campo, proprio come si fa dopo una domenica di campionato,  dopo il triplice fischio finale del 7 febbraio, termine ultimo per l’approvazione da parte dei collegi docenti del progetto di sperimentazione in materia di valutazione dei docenti.
Come accade anche per le pagelle sportive, anche la nostra è molto opinabile, e soggetta a probabili voti alternativi,

Fondazioni: 10 - Che ci siano degli enti come la Fondazione per la Scuola della Compagnia di San Paolo, e la Fondazione Giovanni Agnelli, oltre alla l’Associazione TreeLLLe , nel Comitato Tecnico Scientifico che ha proposto la sperimentazione è una piacevole sorpresa. Presenze di questo tipo aprono la speranza di un incontro e di un confronto sempre più aperto e costruttivo tra il mondo della scuola, spesso un po’ autoreferenziale, e il mondo “dell’economia e dell’industria” come ha notato il presidente di Diesse, Fabrizio Foschi. Coraggio: la strada della professionalità e dell’investimento nella valutazione è quella giusta. Questi sicuramente non saranno cervelli (e soldi) sprecati, anzi.

Docenti coraggiosi: 8 - Il compito sulle loro spalle era arduo, e  generalmente superiore alle possibilità, dal momento che non erano mai stati “allenati” adeguatamente ad affrontare un tema del genere. Eppure, alcuni non hanno avuto paura di esporsi, di votare contro la maggioranza, di approfondire, di ragionare sui pro e sui contro senza chiusure pregiudiziali o di schieramento politico. Complimenti!

Sindacati e Associazioni professionali: 6 - Si è trattato di una partita inutile, senza goal, sia per quelli a favore della sperimentazione, che per quelli contro. Da una parte i favorevoli, come il sindacato dei dirigenti ANP (soprattutto) e alcune  associazioni professionali, come Diesse e l’ ADI (più possibiliste), dall’altra parte i più critici (quasi tutti gli altri sindacati e associazioni) hanno generalmente perso una buona occasione per riflettere con più profitto su un tema strettamente connesso con il futuro della scuola. A dir la verità, avremmo voluto dare l’insufficienza a qualche sindacato, ma abbiamo avuto paura. Sicuramente non siamo da “8”, come i coraggiosi, ma, cosa volete, “teniamo famiglia anche noi”. Sei politico!

Ministero: 5 - Sapeva che stava per affrontare un avversario imbattibile, come quando una squadra proveniente dalle serie minori affronta la capolista, che è oltretutto in casa (e la capolista in questo caso era l’omertà e il conservatorismo della classe docente). Tutto sommato se l’è cavata anche abbastanza bene, considerato l’illustre precedente di Luigi Berlinguer, che da una partita del genere (quella del “concorsone”) era uscito talmente malconcio da essere costretto a abbandonare il campo di gioco. Malgrado ciò, ha voluto affrontare lo stesso la sfida, e il risultato del campo è stata comunque implacabile. Del resto, la insufficienza è recuperabile, visto che siamo appena a metà del “campionato”. Comunque, tutto da rifare.

Docenti acquiescenti: 4 - Ci sono molti docenti che hanno assecondato la lamentela generale, oppure che vedono che aria tira, e votano sempre con la maggioranza. Sono quelli che, con il loro conformismo, non fanno nulla di concreto per migliorare la considerazione pubblica del nostro importante lavoro. Sinceramente, in questo caso, le lacune riscontrate sono talmente gravi da ipotizzare come molto difficile un recupero. Comunque, nel caso qualcuno volesse metterci la buona volontà, consigliamo di “ripassare” studiando approfonditamente la seguente pubblicazione Modelli di valutazione degli insegnanti in Europa 2009 di Eurydice Italia (il file in pdf è scaricabile direttamente qui). Non bisogna mai perdere la speranza! Per il momento, però, a causa della mancanza di autonomia di giudizio: Insufficiente!

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Sciatteria nelle nomine delle commissioni esami di stato - di Paolo Marsich

Per dare un’idea della serietà con cui i burocrati del Ministero dell’Istruzione gestiscono l’Esame di Stato (ex Maturità), basterebbe considerare questi esempi di come sono state composte le commissioni: a esaminare in Storia studenti di indirizzi liceali e tecnici in cui la materia viene insegnata dal docente di Italiano (classe di concorso A050), sono stati mandati docenti di Italiano e Latino (classe A051) che, per quanto in possesso di abilitazione anche all’insegnamento di Storia, ottenuta magari trent’anni fa, Storia al triennio non l’hanno mai insegnata; viceversa a esaminare in Italiano e Latino studenti del Liceo Scientifico sono stati mandati insegnanti privi di abilitazione in Latino (classe A050). E ancora, a esaminare in Letteratura italiana studenti dei licei classici sono stati mandati insegnanti di Greco e Latino (classe A052) che, per quanto in possesso di abilitazione anche in Italiano, ottenuta anche questa magari trent’anni fa, Letteratura italiana al triennio no…