Passa ai contenuti principali

Meglio chiamarlo preside o dirigente? - di Luigi Gaudio

I paradossi dell'etimologia. È capitato ad alcuni dirigenti che qualcuno chiedesse loro se preferivano essere definiti preside o dirigenti scolastici. Dalla risposta che ha dato l’uno o l’altro, possiamo trarre alcune riflessioni importanti sulla figura del leader educativo. Se preferisce essere chiamato dirigente, è perché fa riferimento ad una normativa ormai consolidata. Con l’autonomia, i presidi e i direttori didattici sono diventati dirigenti statali a tutti gli effetti, assimilabili agli altri dirigenti della pubblica amministrazione in tutto e per tutto (tranne lo stipendio). Se preferisce essere chiamato ancora preside (nel caso delle scuole secondarie) o direttrice, direttore, e perfino DD (pronuncia didì) è perché preferisce instaurare con i lavoratori della sua scuola un rapporto meno freddo e distaccato. Eppure, a ben guardare, tra preside e dirigente, è proprio il termine “preside” a richiamare un maggiore rigore e una maggiore disciplina, in quanto è di derivazione militare. Inoltre, rispecchia meglio, nella sua etimologia, quel ruolo di “presidio dello stato” che è stato suo, appunto fino alla legge 59 del 1997, cioè fino alla stagione delle riforme nel segno dell’autonomia e del decentramento. Proprio a quell’epoca, si è adottato il termine “dirigente” che richiama uno scopo diverso, più condivisibile: non più quello di sorvegliare un avamposto statale, ma quello di indicare una meta, uno scopo, una “direzione” dell’agire didattico. Eppure, il termine “dirigente”, paradossalmente, ha conservato in sé una connotazione vagamente burocratica, forse perché a sempre la gerarchia dell’amministrazione pubblica (e privata) è stata piena di dirigenti negli uffici e nei palazzi del potere. Al contrario, quanti presidi, quanti direttori didattici, abbiamo visto girare per le nostre aule ad accompagnare (o certe volte a ostacolare) il nostro lavoro scolastico. Per questo motivo, siamo rimasti affezionati a questi termini, e oggi, a più di dieci anni dalla loro cancellazione definitiva dai documenti, dalle norme e dalle firme, conservano il sapore di una scuola che forse, per vari motivi, rimpiangiamo. Per questo non ci verrebbe mai da dire, entrando in “presidenza”, “Buongiorno, dirigente”. Quel termine così etimologicamente militaresco, ci risulta meno austero, e allora, “Buongiorno, preside”, per altri dieci o cento anni.

Commenti

  1. Podestà era meglio di sindaco
    Provveditorato era meglio di ufficio scolastico territoriale
    Segretario era meglio di dsga
    Ecc. Non Se ne esce ....
    Ho conosciuto peesidi incapaci e dirigenti ottimi, sono le persone che connotano la loro funzione

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Il canto dell’usignolo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto VII - ottave 32-37
Prima parte. Canti I-IV. La prima parte tratta dell’innamoramento di Venere e Adone. - Cupido, per vendetta, fa in modo che la madre si innamori di un mortale, Adone, approdato nell’isola di Cipro: dapprima Venere si innamora di lui vedendolo addormentato sulla spiaggia dove è approdato; in seguito Adone si innamora a sua volta di Venere, dopo aver curato una ferita alla gamba.   - Dopo l’innamoramento, tre personaggi, Cupido, Clizio e Mercurio si occupano dell’iniziazione di Adone, attraverso una lunga serie di esperienze estetiche. Seconda parte. Canti V-XI. In questo gruppo di canti viene descritta l’iniziazione di Adone.  - innanzitutto vi è l’iniziazione ai piaceri dei sensi: Adone viene condotto attraverso il giardino del piacere;  - quindi si passa alle delizie dell’intelletto e delle arti;  - infine Adone viene avviato alla scienza moderna; Al termine di queste esperienze Mercurio può celebrare il matrimonio tra Adone…

Le idi di marzo di Valerio Massimo Manfredi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videorecensione del professore su youtube
qui sotto: audiorecensione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
AUDIO "Le idi di marzo" di Valerio Massimo Manfredi in formato mp3, disponibile anche in formato audio wma
Le idi di marzoValerio Massimo ManfrediRelazione di narrativa di Melissa Galloni 2aD Titolo1. Il titolo del libro che ho letto questo mese è “Idi di Marzo”. Autore2. L’autore è Valerio Massimo Manfredi, un archeologo specialista in topografia del mondo antico. Ha insegnato in prestigiosi atenei in Italia e all’estero e condotto spedizioni e scavi in vari siti del Mediterraneo. Ha scritto numerosi saggi in campo accademico ed è, inoltre, autore di narrativa presso la Mondadori con ,ad esempio, “La Torre della Solitudine”, “L’ultima legione”… Riassunto3. Questo libro ripercorre gli ultimi giorni di vita di Giulio Cesare (pontefice massimo, capo militare..), che, all’età di cinquantasei anni,è ormai stanco e malato. …