Passa ai contenuti principali

Basta con la professione dello studente! - di Luigi Gaudio

Una recente indagine del professor Ulrich Tiechler, dell'Università tedesca di Kassel, mette a nudo una realtà che spesso ignoriamo, cioè che i nostri studenti universitari sono quelli più lontani dal mondo del lavoro, rispetto ai coetanei europei.


Ci vengono in mente i nostri tempi, quando spesso un universitario era costretto a lavorare, per potersi permettere gli studi. Oggi, certamente, c’è anche meno richiesta e meno possibilità di inserirsi nel mondo del lavoro. Però c’è talvolta anche mancanza di iniziativa, di intraprendenza. Poi non ci si può lamentare troppo se alla fine del percorso non si trova un posto di lavoro. Se un giovane non ha mai creato i presupposti, non può pretendere di trovare un posto subito dopo la laurea, in linea con i suoi studi. Una parte della colpa ce l’hanno anche le famiglie, che giustificano e assecondano sempre i figli, senza metterli di fronte alle loro responsabilità, correi di un notevole ritardo. I nostri giovani sono gli ultimi a diplomarsi in Europa (19 anni invece di 18), gli ultimi a laurearsi (i cosiddetti fuori-corso c’erano anche ai nostri tempi, ma gli italiani sono ai limiti massimi in Europa per quanto riguarda l’età media dei laureati), gli ultimi a trovare lavoro e gli ultimi a sposarsi.
Ciò che è quasi la regola in altri paesi d’Europa (si pensi alla Norvegia, ma anche alla Germania) cioè lo stretto legame tra Università e mondo del lavoro, da noi è un’eccezione. A fronte del 40% di studenti universitari norvegesi già inseriti nel mondo del lavoro, gli studenti universitari italiani lavoratori sono solo poco più del 10%.

A conferma di ciò, arriva anche una indagine pubblicata sul numero di marzo di Tuttoscuola e citata in un articolo del Corriere della Sera, che mostra come oltre due milioni, (il 21,2% della popolazione italiana tra i 15 e i 29 anni), sono in Italia i giovani della generazione Neet (Not in education, employment or training) e molti di loro non hanno conseguito nemmeno un diploma di istruzione secondaria superiore.

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…

Sul fondo da Se questo è un uomo di Primo Levi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videolezione del professore su youtube
qui sotto: audiolezione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
Lettura del brano "Sul fondo" tratto dal secondo capitolo del romanzo Se questo è un uomo di Primo Levi in formato wma
Se questo è un uomoPrimo Levi relazione di narrativa di Emiliano Ventura - Seconda DVITA E BIBLIOGRAFIA DELL’AUTOREPrimo Levi nasce a Torino il 31 luglio 1919 da Cesare Levi e da Ester Luzzati. A partire dal 1934 comincia a frequentare il Ginnasio-Liceo “D’Azeglio” dove mostra una buona disposizione per le materie scientifiche. Ottenuta la licenza liceale si iscrive all’Università torinese dove frequenta la facoltà di Scienze e si laurea nel 1941.
Trova subito lavoro come chimico in una cava d’amianto e l’anno dopo entra in un’industria farmaceutica di Milano, la Wander. Nel 1943 lascia questo lavoro per prendere parte alla Resistenza e partecipa ad un’azione clamorosa ai danni della milizia fascista di Ivr…