Passa ai contenuti principali

Mercoledì 3 aprile visita congiunta Risiera di San Sabba a Trieste dei Licei G. B. Vico Milano e F. Petrarca Trieste. Gemellaggio informale proiezione "1938 Vita amara" e "Ondina Peteani, Auschwitz e la libertà"


Immagine incorporata


TRIESTE E MILANO (CORSICO) 
UNITE NELLA MEMORIA 


Sabrina Benussi, l'insegnante che ha ideato insieme ai suoi allievi del Petrarca (liceo in cui si è diplomato Giulio Regeni) la mostra "Razzismo in cattedra" accoglierà assieme a Gianni Peteani, Presidente del Comitato permanente Ondina Peteani, i giovani del liceo lombardo "Gian Battista Vico" guidati dal professor Luigi Gaudio promotore della visita d'istruzione a Trieste. 

Indirizzi di saluto del prof. Giovanni Fraziano, Collaboratore del Rettore dell'Università di Trieste.

I due licei parteciperanno mercoledì 3 aprile alle 15 alla visita congiunta al Monumento Nazionale della Risiera di San Sabba, unico Lager di sterminio munito di forno crematorio edificato dall'occupatore nazista in Italia e nell'Europa meridionale. 
A seguire il film "1938 Vita amara" di Sabrina Benussi, realizzato in collaborazione con gli allievi della classe 4^ del Liceo Petrarca e il gemellaggio informale tra le rappresentanze dei due istituti, quindi la presentazione del film "Ondina Peteani, Auschwitz e la libertà" a cura della storica Anna Di Gianantonio. Film diretto dalla regista toscana Tamara Pastorelli per Marco Polo TV, parte della serie televisiva "La Forza del destino - Storia di Donne che hanno cambiato la Storia" trasmesso da SKY TV International il 27 gennaio, Giorno della Memoria.

Evento in collaborazione del Circolo della Stampa di Trieste

Da anni tra il portale didattico nazionale Atuttascuola e il Comitato permanente Ondina Peteani si è instaurata una solida collaborazione.
Uno degli scopi fondamentali del nostro lavoro a scuola è quello di rendere i giovani consapevoli della storia che ci precede. In essa ci sono esempi di barbarie e di dittatura, come nel caso nel nazi-fascismo, ma anche esempi di donne e di uomini che hanno saputo lottare con coraggio contro queste storture. È il caso di Ondina Peteani, la prima staffetta partigiana d'Italia, che operava incurante dei rischi cui andava incontro contro un regime che si era già reso colpevole di discriminazioni disumane contro gli ebrei con le leggi razziali sin dal 1938, e che in seguito si era reso complice del devastante progetto bellico hitleriano. Ondina, animata come tutti i giovani dovrebbero essere, da un desiderio di rendere più vivibile e libero il mondo in cui viviamo, avrebbe poi affrontato con dignità e coraggio le pene del lager di Auschwitz, da cui venne liberata insieme a pochi altri sopravvissuti a quella officina di morte.
Il portale Atuttascuola è orgoglioso di ospitare nella pagina web www.atuttascuola.it/ondina/ tutti i contributi, i video, gli audio e gli articoli che Gianni Peteani va realizzando in ricordo della madre e di chi, come lei, ha dato la vita per ideali così alti, che gli studenti e i giovani di oggi seriamente impegnati con se stessi trovano in sintonia con le proprie aspirazioni più profonde.

Luigi Gaudio
webmaster di atuttascuola

Immagine incorporata




Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Le idi di marzo di Valerio Massimo Manfredi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videorecensione del professore su youtube
qui sotto: audiorecensione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
AUDIO "Le idi di marzo" di Valerio Massimo Manfredi in formato mp3, disponibile anche in formato audio wma
Le idi di marzoValerio Massimo ManfrediRelazione di narrativa di Melissa Galloni 2aD Titolo1. Il titolo del libro che ho letto questo mese è “Idi di Marzo”. Autore2. L’autore è Valerio Massimo Manfredi, un archeologo specialista in topografia del mondo antico. Ha insegnato in prestigiosi atenei in Italia e all’estero e condotto spedizioni e scavi in vari siti del Mediterraneo. Ha scritto numerosi saggi in campo accademico ed è, inoltre, autore di narrativa presso la Mondadori con ,ad esempio, “La Torre della Solitudine”, “L’ultima legione”… Riassunto3. Questo libro ripercorre gli ultimi giorni di vita di Giulio Cesare (pontefice massimo, capo militare..), che, all’età di cinquantasei anni,è ormai stanco e malato. …

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…