Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2018

Maltempo - filastrocca della maestra Marzia Cabano

Trombe d'aria, forte vento,
anche il mare fa spavento!
Onde alte, cavalloni
pioggia fitta lampi e tuoni!
Ponti in pericolo, alberi caduti,
dietro ai vetri ce ne stiamo muti...
Il tempo va peggiorando
qualcuno se ne accorgerà? Quando?

da Marzia Cabano

Diritto di cronaca - di Laura Alberico

C'è una voce che chiede di essere ascoltata, si fa strada nel degrado sociale che esprime rabbia e dolore, impotenza e insicurezza di fronte a eventi che non vorremmo mai raccontare. La morte di una giovane ragazza porta alla luce uno scenario di emarginazione e criminalità che è un tratto dominante di questa società dove i giovani adolescenti cercano inconsapevoli nuove e forti emozioni. La droga e il suo potere cattura, come uno specchio per le allodole, desideri di andare oltre il confine della quotidianità e della normalità, quel limite indefinito che viene oltrepassato per provare lo sballo, l'anestesia dei sentimenti, il rifiuto del presente e del futuro. C'è un diritto dovere che va oltre il diritto di cronaca, quel diritto dovere di prevenzione e tutela dei minori che le istituzioni e e le agenzie educative devono ancora rendere più efficaci e capillari per coltivare il diritto alla vita, il senso e il significato del bello da alimentare con desideri e progetti di…

Nel mito, tra guerre e società matrilineari. Intervista a Marta Cuscunà

https://www.teatroecritica.net/2018/10/nel-mito-tra-guerre-e-societa-matrilineari-intervista-a-marta-cuscuna/

+Nel mito, tra guerre e società matrilineari. Intervista a Marta CuscunàBy  - 24 ottobre 2018 Il canto della caduta, il nuovo spettacolo dell'attrice regista e drammaturga Marta Cuscunà, debutta in questi giorni (25 e 26 ottobre) per la stagione Contatto del CSS di Udine. IntervistaIl nuovo lavoro di Marta Cuscunà, Il canto della caduta, ispirato all'antico mito del regno di Fanes, nasce a partire da diverse Residenze artistiche (a Centrale Fies e al CSS Teatro stabile di innovazione del Friuli Venezia Giulia) e con il sostegno di due partner portoghesi, Sao Luiz Teatro Municipal e A Tarumba Teatro de Marionetas. Abbiamo incontrato Marta Cuscunà al teatro Palamostre di Udine a pochi giorni dal debutto, mentre nella sala principale si stava allestendo la scenografia del suo nuovo spettacolo.Foto Daniele BorghelloDalla Trilogia della Resistenza a una storia epi…

Dalla storia di Ondina Peteani ... LA PRIMA VOLTA NON SI SCORDA MAI

SU LA LETTURA, L'INSERTO DEL CORRIERE DELLA SERA
di Laura Zangarini

"Dalla storia di Ondina Peteani, raccontata in E' bello vivere liberi!, spettacolo vincitore del Premio Scenario Ustica 2009, alla ribellione delle Clarisse del convento di Santa Chiara di Udine al centro di La semplicità ingannata, Marta Cuscunà ha fatto delle "donne resistenti" il focus delle sue narrazioni. In questo percorso, e coerentemente con la convinzione che il teatro debba essere "uno strumento di lotta politica e cambiamento sociale", si inserisce Il canto della caduta, il nuovo lavoro della drammaturga, attrice e regista di Monfalcone."


LA PRIMA VOLTA NON SI SCORDA MAI
Il 25 e 26 ottobre a Udine debutta IL CANTO DELLA CADUTA, inaugurando la stagione Teatro Contatto 2018/19 del CSS Teatro stabile di innovazione del Friuli Venezia Giulia.

Dopo oltre un anno e mezzo di prove e ricerche, è arrivato il momento di presentare il nostro lavoro al pubblico.

Vi aspetto per condiv…

Foglie gialle - filastrocca della maestra di Marzia Cabano

Povere foglie gialle,
volano come farfalle
pero' il loro volo è breve,
presto cadrà la neve
e tutte le coprirà!
Povere foglie gialle
simili a delle farfalle
solo per pochi istanti
ma a raccogliervi sono in tanti...
In un album,in un quadro,o fra due pagine bianche
ritroveremo le foglie gialle che erano a terra,stanche.

Marzia Cabano

Laboratorio di scienze - filastrocca della maestra Marzia Cabano

Quanti fumi!

Oggi non ho scritto scemenze,

ma una poesia bella su scienze,

parla di insetti e di provette,

di fumi neri e di pinzette,

di acqua, di aria e di vapore,

di carbone, di rumore e di motore,

di semi, di germogli e pianticelle…

Secondo voi ho scritto scemenze?

Allora non vi piace proprio scienze!

Marzia Cabano


Geometria fa rima con poesia - filastrocca della maestra Marzia Cabano

Geometria fa rima con poesia




Oggi scrivo una poesia

Su matematica, su geometria,

parla di tante operazioni,

di confronti e misurazioni,

di prestiti, di riporti,

di righelli lunghi e corti,

di rettangoli, di quadrati,

di problemi, di risultati…

Ho appena scritto una poesia,

la piu’ strana che ci sia!

Marzia Cabano

Diamo un po' i numeri - filastrocca della maestra Marzia Cabano

Diamo un po’ i numeri!


ZERO  severo,

UNO nessuno

DIECI ceci



CENTO, che spavento!

MILLE fa scintille!

DIECIMILA fa la fila,

CENTOMILA! Alta è la pila!



UN MILIONE in un paesone,

UN MILIARDO è già un azzardo…

I numeri sono affascinanti

e piacciono a tutti quanti!

Marzia Cabano

La fila dei numeri - filastrocca della maestra Marzia Cabano

La fila è lunga

Uno, nessuno, centomila,
dei numeri è lunghissima la fila!
Corto, lungo, alto, basso, piatto,
con i confronti io divento matto!
È bello contare, è bello misurare,
aggiungere, togliere e poi ricontare…
Fino a quando davvero non mi stufo,
io conto tutto, anche in cielo gli ufo:
uno! Due! Tre! Li vedi pure te?
Sono là, tra le nuvole ed il monte
e l’arcobaleno lo usan come ponte!

Marzia Cabano

Andrò per viole - Filastrocca della maestra Marzia Cabano

Ho  messo  la  stanza  a  soqquadro!  Che disastro!

Ora prendo il mio taccuino e ci scrivo"sono un impiastro".

A mamma il caos farà certo piangere il cuore,

ma poi come sempre  riordinerà con tanto amore!

Lei vorrebbe che io da grande facessi ...il cuoco!


mi vedrebbe tra i fornelli, con tante  pentole sul fuoco,

io invece amo l'acqua,vorrei fare il sommozzatore

ma intanto devo studiare, per anni, mesi, giorni ed ore!

Se non imparo come si scrivono certe strane parole

beh, allora me ne andro' col cesto per funghi e per viole!

Marzia Cabano

Filastrocca sull'Autunno - di Marzia Cabano

È autunno,piove,
non so che fare, andare dove?
Forse nel bosco qua vicino
a gironzolare con ombrello e cestino,
qualche funghetto ci sarà,
uno qua e forse uno là…
Quando in autunno scende la pioggia fine,
tutto sembra più non aver confine,
il prato prosegue fino al mare,
quando smetti di camminare potresti poi nuotare!
Marzia Cabano