Passa ai contenuti principali

L’amicizia secondo noi - di Edoardo e Marco


Non tutte le grandi amicizie iniziano appena ci si incontra, ma quando ci si impara a conoscere realmente. Bisogna avere il tempo di trovare passioni in comune e di cominciare a fidarsi dell’altro; una volta fatto ciò, un’amicizia si può definire reale.
Ne abbiamo avuto la prova proprio perché tra noi due scrittori dell’articolo si è instaurato un rapporto molto forte, anche grazie allo stesso genere musicale che entrambi ascoltiamo. Oltre a questo,  c’è bisogno di accettare gli eventuali difetti di un amico che potrebbero incidere sul rapporto di amicizia e trovare i lati positivi del carattere di ognuno. Talvolta può succedere che due persone o più che inizialmente non vanno d’accordo, con il passare del tempo, stringano un legame affettivo molto forte; o come molto spesso accade, si trovino in disaccordo su alcuni argomenti arrivando poi a litigare, ma se un rapporto è realmente stretto, si riesce a chiarire la situazione parlando,  esprimendo le proprie opinioni e  rispettando l’altro. L’aspetto più importante in un’amicizia è essere sempre sincero con l’altro: se si ha qualcosa da dire o da criticare,  deve essere sempre detta con onestà, altrimenti si tradisce la fiducia. Secondo noi, se si rispettano queste “regole” , un’amicizia può durare per molto tempo e anche se ci si allontana e non ci si vede spesso,  il rapporto rimane lo stesso, intatto e genuino.
EDOARDO  E  MARCO
CLASSE TERZA  A SCUOLA SINOPOLI FERRINI DI ROMA 

Commenti

Post popolari in questo blog

Eticamente lecito uccidere i bambini - di Stefano Biavaschi

“Eticamente lecito uccidere i bambini”. E' la sorprendente tesi di due bioeticisti italiani, pubblicata sul Journal of Medical Ethics. I due personaggi sono Alberto Giubilini e Francesca Minerva, e il titolo incredibile dell'articolo è: “Aborto dopo la nascita, perché il bambino dovrebbe vivere?”.

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Concorso dirigenti: appunti di studio

L'ultima mia fatica di studio in vista del concorso l'ho riversata come al solito sul sito www.atuttascuola.it e credo che possa essere utile, in mancanza di una testo ufficiale del ministero di preparazione al concorso.