Passa ai contenuti principali

Ondina peteani 25 aprile 2018 Festa Nazionale della Liberazione - sui canali "social" Istituzionali della Regione Friuli Venezia Giulia


https://www.instagram.com/p/Bh_CX0BnuJl/?taken-by=regionefvg

È bello vivere liberi, scrisse ONDINA PETEANI a poche settimane dalla morte (Trieste, 3 gennaio 2003). Oggi #25aprile la #RegioneFVG ricorda la "prima staffetta partigiana d'Italia" che ha lottato e sofferto per la libertà. Nata a Trieste il 26 aprile 1925 da giovanissima Ondina diventa una staffetta partigiana e aiuta le prime formazioni nate nel Monfalconese e sul Carso Triestino. Non è una scelta indolore e senza conseguenze: viene arrestata due volte dalla polizia fascista. La prima volta riesce a fuggire, la seconda finisce nelle mani dei nazifascisti. In missione a Vermegliano (Gorizia), l'11 febbraio 1944 Ondina viene catturata, portata a Trieste, segregata nel Comando delle SS di piazza Oberdan e poi condotta forzatamente nel più orribile dei viaggi: verso la prigionia del lager, prima Auschwitz e poi Ravensbrück. Perde il suo nome - sostituito dal numero di matricola 81672 - ma non perde la voglia di lottare: dopo un periodo in una fabbrica di produzione bellica a Eberswalde, nell'ottobre del 1944 riesce a sfuggire ai suoi carcerieri e in luglio rientra in Italia dopo aver percorso fortunosamente 1.300 chilometri. Nel dopoguerra Ondina si dedica all'impegno politico e sociale e alla memoria della #Resistenza: con il sindacato, con l'#ANPI, con l'#ANED. Non ha mai perso il valore della libertà che si celebra oggi.
#FestadellaLiberazione.

Visita Ondina peteani 25 aprile 2018 Festa Nazionale della Liberazione - sui canali "social" Istituzionali della Regione Friuli Venezia Giulia

https://www.instagram.com/p/Bh_CX0BnuJl/?taken-by=regionefvg

https://www.facebook.com/regione.fvg.it/

https://twitter.com/regioneFVGit

Commenti

Post popolari in questo blog

Eticamente lecito uccidere i bambini - di Stefano Biavaschi

“Eticamente lecito uccidere i bambini”. E' la sorprendente tesi di due bioeticisti italiani, pubblicata sul Journal of Medical Ethics. I due personaggi sono Alberto Giubilini e Francesca Minerva, e il titolo incredibile dell'articolo è: “Aborto dopo la nascita, perché il bambino dovrebbe vivere?”.

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Concorso dirigenti: appunti di studio

L'ultima mia fatica di studio in vista del concorso l'ho riversata come al solito sul sito www.atuttascuola.it e credo che possa essere utile, in mancanza di una testo ufficiale del ministero di preparazione al concorso.