Passa ai contenuti principali

Franco Trisciuzzi, tra i migliori chitarristi Blues/Swing nazionali canta "My mother's eyes" e presenta la leggendaria "FREEDOM" (Libertà) di Richie Havens - (Woostok 1969.




Nell'ambito della Celebrazione annuale organizzata dal Comitato per la Pace Danilo Dolci, assieme al comitato permanente Ondina Peteani, nella storica Piazza Guglielmo Oberdan, mercoledì 9 maggio 2018, presso il palazzo dove venne insediato il Comando delle famigerate SS naziste in cui venne segregata Ondina Peteani, l'artista Franco Trisciuzzi, tra i migliori chitarristi Blues/Swing nazionali ha cantato il magnifico brano "My mother's eyes" (chitarra acustica e voce). 
Al termine ha presentato la leggendaria "FREEDOM" (Libertà) di Richie Havens cui venne affidata l'apertura del mitico concerto di Woostock del 1969, imperniato sulla ribellione giovanile statunitense alla Guerra del Vietnam. Venne accolto da un'immensa ovazione e continuò a suonare bis fino a esaurire tutto il proprio repertorio. Alla fine, decise di improvvisare una versione del brano Motherless Child con l'aggiunta della parola "Freedom" ripetuta a oltranza.

Un grazie particolare a Franco Trisciuzzi.
Grazie a Piero Caenazzo per il contributo in post-produzione.


Commenti

Post popolari in questo blog

Eticamente lecito uccidere i bambini - di Stefano Biavaschi

“Eticamente lecito uccidere i bambini”. E' la sorprendente tesi di due bioeticisti italiani, pubblicata sul Journal of Medical Ethics. I due personaggi sono Alberto Giubilini e Francesca Minerva, e il titolo incredibile dell'articolo è: “Aborto dopo la nascita, perché il bambino dovrebbe vivere?”.

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Concorso dirigenti: appunti di studio

L'ultima mia fatica di studio in vista del concorso l'ho riversata come al solito sul sito www.atuttascuola.it e credo che possa essere utile, in mancanza di una testo ufficiale del ministero di preparazione al concorso.