Passa ai contenuti principali

Giudizio elezioni - di Francesco Lena

Cari amici e compagni del partito democratico, sono molto dispiaciuto del risultato negativo per il PD, nelle elezioni politiche 2018, anche se in questi cinque anni di governo del centro sinistra abbiamo lavorato bene in tutte le direzioni, in ogni settore, i risultati si vedono molto  bene nelle cento cose fatte illustrate nel nostro programma elettorale 2018, gli elettori non hanno saputo premiare il merito.
Sono molto fiero e orgoglioso di essere del partito democratico, abbiamo fatto una campagna elettorale bella, onesta, trasparente, sincera nel rispetto degli avversari politici e nel rispetto della dignità delle persone, cercando nei nostri limiti di far vedere le cento cose fatte nei cinque anni di governo e le cento cose che avremmo fatto se avremmo vinto le elezioni politiche 2018.
Ora non piangiamoci addosso, bisogna velocemente mettersi in moto per rivitalizzare il partito democratico ristrutturarsi e radicarsi meglio su tutto il territorio italiano, con belle iniziative assieme alla gente sia politiche, culturali giochi e feste dell’Unità.
Una cosa vi chiedo, non alleatevi con i grillini, sono fortemente contrario a una scelta di formare un governo con i grillini, sono stati troppo cattivi con noi, con insulti, bugie di ogni genere, senza avere nessun rispetto delle persone e per la nostra dignità, hanno fatto accuse pesanti, che tutti sappiamo e non voglio ripetere, tante passibili di denuncia per diffamazione di persone e del partito, a mio parere andavano e andrebbero fatte le denunce, chiedendo i danni morali e d' immagine delle persone e del Partito Democratico.
Io ho lavorato nelle istituzioni, nel volontariato, nel partito e nel sindacato CGIL, nel rispetto di tutte le persone con grande impegno e sacrifici, nella trasparenza, onestà e sincerità, mi sento veramente offeso di tutte le cattiverie, falsità, insulti anche pesanti che i Grillini hanno fatto nei nostri confronti e in particolare, le  più pesanti contro Matteo Renzi.
Perciò vi prego, non alleatevi con i grillini, rimbocchiamoci le maniche e uniti subito al lavoro stando all’opposizione, per rivitalizzare con più entusiasmo di prima, con orgoglio, abbiamo le forze le, competenze mettiamocela tutta saremo più forti di prima .
Distinti saluti, Francesco Lena Via Provinciale,37    24060 Cenate Sopra ( Bergamo ) tel 035956434.
P.S. un saluto e un grazie speciale a tutti quelli che hanno lavorato sodo nel governo e nella società, ciao a tutti.



Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…