Passa ai contenuti principali

Caldo canicolare: anticipate gli esami di Stato! - di Gennaro Capodanno

In Italia bisogna prendere atto che la situazione climatica è fortemente cambiata, visto che, dopo la prima metà di giugno, già sono presenti, da qualche anno a questa parte, specialmente al sud, temperature canicolari, più tipiche del periodo ferragostano e dei paesi equatoriali. In queste condizioni costringere circa 500mila studenti, insieme a un esercito, tra presidenti  e commissari, a passare anche otto ore in aule, prive di ogni confort per creare condizioni quantomeno accettabili, per circa 20 giorni, con temperature e tassi igrometrici intollerabili, rappresenta una vera e propria tortura. Anche sotto questo aspetto, la situazione dell’edilizia scolastica, almeno in alcune Regioni, presenta notevoli carenze. Pochi gli edifici scolastici dotati di impianti di climatizzazione adeguati e diffusi in tutti gli ambienti. Peraltro, anche se il D.M. 18 dicembre 1975, dettante norme tecniche aggiornate relative all'edilizia scolastica, per la temperatura fa espresso riferimento solo al periodo invernale, ciò non pertanto viene prescritto un valore di 20 °C all’interno delle aule, con un’oscillazione soli di 2 °C, ed un tasso dell’umidità relativa dell'aria ambiente tra il  45% e il 55%. Valori che durante le prove di questi giorni, specialmente nelle scuole interessate del centro e del sud d'Italia, reputo che siano stati abbondantemente superati, registrandosi picchi fino a 40° e relativi elevati tassi d’umidità. In queste condizioni si può ipotizzare che  sia  gli studenti interessati sia il personale docente impegnato non riescano a lavorare con la necessaria concentrazione, potendo tutto ciò comportare un calo di rendimento che potrebbe, tra l'altro, influenzare i risultati dell’esame. Purtroppo la situazione non sembra affatto che sia destinata a migliorare nei prossimi giorni. Dubitando fortemente che si riesca a far sì che, in tempi brevi, gli edifici scolastici delle scuole superiori dotino le aule che vengono abitualmente adibite a tali esami di apparecchiature che possano contribuire a migliorare il microclima estivo, propongo di valutare la possibilità che le lezioni, per gli allievi delle ultime classi dei corsi della scuola secondaria superiore, terminino in anticipo, in modo da completare gli scrutini prima del 31 maggio e da poter effettuare l’esame di Stato al massimo entro la seconda decade di giugno, facendo inoltre  svolgere tutte le prove e le attività connesse in orario pomeridiano, quando meno cocenti sono i raggi del sole.

Gennaro Capodanno
gennarocapodanno@gmail.com

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Sciatteria nelle nomine delle commissioni esami di stato - di Paolo Marsich

Per dare un’idea della serietà con cui i burocrati del Ministero dell’Istruzione gestiscono l’Esame di Stato (ex Maturità), basterebbe considerare questi esempi di come sono state composte le commissioni: a esaminare in Storia studenti di indirizzi liceali e tecnici in cui la materia viene insegnata dal docente di Italiano (classe di concorso A050), sono stati mandati docenti di Italiano e Latino (classe A051) che, per quanto in possesso di abilitazione anche all’insegnamento di Storia, ottenuta magari trent’anni fa, Storia al triennio non l’hanno mai insegnata; viceversa a esaminare in Italiano e Latino studenti del Liceo Scientifico sono stati mandati insegnanti privi di abilitazione in Latino (classe A050). E ancora, a esaminare in Letteratura italiana studenti dei licei classici sono stati mandati insegnanti di Greco e Latino (classe A052) che, per quanto in possesso di abilitazione anche in Italiano, ottenuta anche questa magari trent’anni fa, Letteratura italiana al triennio no…