Passa ai contenuti principali

A proposito dell’ikebana - di Michele Poe

          L’ikebana è l’arte giapponese dell’arrangiare i fiori: non consiste solamente nel sistemare dei fiori in un vaso, ma si tratta di una vera e propria forma espressiva che unisce l’arte con la filosofia e la religione. Nasce più di 600 anni fa in Cina, o forse in India, ma si sviluppa principalmente in Giappone, la cui cultura esalta in special modo l’amore ed il rispetto per la natura, un tempo come tributo verso gli dei ed in seguito come pura espressione artistica. L’arte nasce con il nome di “Kadō” (fiori viventi) e inizialmente poteva essere praticata solo da nobili e monaci buddisti, mentre poi viene estesa a tutti i ceti sociali.  L’ ikebana riguarda   non solo  fiori ma anche  rami e, volendo,  muschio, tronchetti e foglie.  Mentre in occidente nelle composizioni floreali si tende a far risaltare la quantità dei fiori usati ed il colore, nell’ikebana invece si enfatizzano gli aspetti lineari della composizione e la semplicità: infatti rami e fiori sono disposti secondo un sistema ternario, quasi sempre a formare un triangolo. Il ramo più lungo e più importante si avvicina al cielo, il ramo più corto rappresenta la terra ed il ramo intermedio l'uomo. Così come queste tre forze si devono armonizzare per formare l'universo, anche i fiori ed i rami si devono equilibrare nello spazio. Quest’arte   dunque va rispettata e può essere capita a fondo solo se si è educati nei suoi confronti: si saluta con un inchino all’inizio e si ringrazia il Creatore alla fine. Ikebana è anche osservazione continua della natura e dei suoi mutamenti, come il cambiare della stagione, che assume un ruolo significativo per la composizione.  Lo sviluppo dell’arte dell’ikebana in Giappone si deve probabilmente all’amore che ha questo popolo verso la natura, con la quale ha sempre avuto un grosso legame ed anche oggi, nel paesaggio urbano di asfalto e palazzi, le strade e le città giapponesi sono sempre piene di fiori e di giardini ed ogni casa  è abbellita con  arrangiamenti floreali. Per finire,  vorrei invitare tutti a provare almeno una volta questa magnifica forma d’espressione, per avvicinarsi alla natura ed apprendere fino in fondo la sua bellezza. 


di Michele Poe della  classe terza A anno scolastico 2015/2016. IC Sinopoli Ferrini Roma

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…