Passa ai contenuti principali

Perché screditare l’opera di don Lorenzo Milani? - di Enrico Maranzana

Il sole 24ore, domenica 26/2, ha contestato una pietra miliare della didattica della scuola italiana: ha riletto la lettera a una professoressa di don Lorenzo Milani sostenendo che l’indirizzo operativo proposto dal priore di Barbiana introduce uno sgangherato egualitarismo, foriero di disparità e d’ingiustizia.
Una conclusione che elide tutti gli attori di un processo articolato, lo riduce ai suoi due estremi: la lettera e la scuola contemporanea.
Una semplificazione che banalizza, sterilizzandola, l’azione di don Milani che si caratterizzava per l’assunzione del punto di vista degli ultimi.
La sua contestazione al tema d’italiano “Davanti all’edicola” sia d’esempio: come può uno studente che non sa cosa sia un’edicola sviluppare la traccia?
Come non condividere la sua amarezza e il suo risentimento per l’immeritata bocciatura?
La visione proposta dal giornale occulta l’origine e il senso della proposta di don Milani: abbandonare la didattica discendente, la didattica unidirezionale, il rapporto medico-paziente per introdurre la didattica ascendente (laboratori), la didattica partecipata, la progettazione d’itinerari di crescita culturale.
La visione proposta dal giornale confonde la mission universitaria (la trasmissione del sapere) con la mission della scuola (promuovere competenze).
La visione introdotta da don Milani è parallela a quella prescritta dai regolamenti scolastici degli ultimi cinquant’anni, indirizzi sistematicamente rifiutati da tutti gli operatori della scuola [cfr. “Il Miur naviga a vista”, visibile in rete]
Emblematici sono i programmi della scuola secondaria di primo grado del 1979 (ex media), oggi considerata l’anello debole del sistema scolastico che, “mediante l'acquisizione di conoscenze fondamentali specifiche, favoriscono la conquista di capacità logiche, scientifiche, operative e delle corrispondenti abilità e la progressiva maturazione della coscienza di sé e del proprio rapporto con il mondo esterno” e “Stimolano le capacità intuitive; favoriscono la verifica della validità delle intuizioni di ragionamenti via via più organizzati; educano alla comunicazione con linguaggi che facilitano l’organizzazione del pensiero e favoriscono la progressiva chiarificazione dei concetti ..”
La scuola “in atto” non ha accettato il cambiamento di prospettiva; é  rimasta incollata alle pagine dei libri di testo e ha sacrificato il  traguardo del sistema educativo: la promozione di capacità e di competenze.
Sul terreno scolastico: i conservatori e gli innovatori si fronteggiano da mezzo secolo.
L’attuale legislatore si è schierato con quanti ostacolano una didattica atta a fronteggiare gli imprevedibili cambiamenti socio-culturali.
La legge 107/2015 ha come titolo “Sistema nazionale di istruzione e formazione”; la finalità educativa che qualificava la precedente denominazione “Sistema educativo di istruzione e di formazione” è stata depennata.

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Le idi di marzo di Valerio Massimo Manfredi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videorecensione del professore su youtube
qui sotto: audiorecensione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
AUDIO "Le idi di marzo" di Valerio Massimo Manfredi in formato mp3, disponibile anche in formato audio wma
Le idi di marzoValerio Massimo ManfrediRelazione di narrativa di Melissa Galloni 2aD Titolo1. Il titolo del libro che ho letto questo mese è “Idi di Marzo”. Autore2. L’autore è Valerio Massimo Manfredi, un archeologo specialista in topografia del mondo antico. Ha insegnato in prestigiosi atenei in Italia e all’estero e condotto spedizioni e scavi in vari siti del Mediterraneo. Ha scritto numerosi saggi in campo accademico ed è, inoltre, autore di narrativa presso la Mondadori con ,ad esempio, “La Torre della Solitudine”, “L’ultima legione”… Riassunto3. Questo libro ripercorre gli ultimi giorni di vita di Giulio Cesare (pontefice massimo, capo militare..), che, all’età di cinquantasei anni,è ormai stanco e malato. …

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…