Passa ai contenuti principali

Aspetti psicopedagogici della valutazione - di Laura Alberico

La valutazione all'interno del processo educativo costituisce uno dei momenti più importanti per il significato che essa assume, sia per l'alunno ma anche per l'insegnante. La docimologia e' una scienza che si serve degli strumenti statistici per la valutazione su base scientifica degli esiti dell'apprendimento. Sappiamo tuttavia che la valutazione non è e non può essere solo una misurazione perché l'insegnamento rappresenta una relazione tra l'alunno e il docente che pone in essere gli aspetti psicologici della comunicazione. Ogni apprendimento e' facilitato se il soggetto conosce i risultati che ottiene e questo lo dimostrano le curve di apprendimento che sono predisposte all'occorrenza. In questo contesto l'insegnante non fornisce un giudizio di valore e l'alunno ha la possibilità di confrontarsi in relazione alle proprie prestazioni e a quelle del gruppo classe, inoltre può prendere coscienza di quanto gli viene richiesto cioè il livello di attesa e gli obiettivi da conseguire. La valutazione formativa e' un elemento essenziale della pedagogia del successo e si affianca alla valutazione diagnostica che consente di monitorare il processo di apprendimento considerando non solo le carenze dell'alunno ma anche la validità e l'efficacia del messaggio dell'insegnante che può eventualmente " aggiustare il tiro" adattando il proprio metodo allo stile cognitivo di ogni alunno.La valutazione non ha il solo scopo di misurare le conoscenze acquisite ma di valutare il punto a cui è arrivata un'azione educativa che agisce sulla personalità nel suo insieme. I limiti e le risorse di ogni alunno costituiscono i punti di riferimento dai quali sviluppare gli obiettivi specifici di apprendimento in funzione dell'orientamento e della formazione.La tecnica del rinforzo consente al docente di incrementare il livello di autonomia e di sicurezza nel lavoro personale soprattutto per gli alunni meno motivati e più in difficoltà, che dimostrano scarsa autostima e un fragile e carente bagaglio culturale. L'insegnamento individualizzato costituisce ormai un percorso obbligato e necessario per rilevare anche i minimi progressi rispetto ai livelli di partenza. Oltre l'oggettivo e misurabile esito dei voti la metacognizione può diventare un canale privilegiato affinché l'alunno possa padroneggiare tecniche e metodi nell'ambito didattico ed elaborare un apprendimento significativo in grado di promuovere abilità e conoscenze finalizzate alla formazione integrale della persona. Gli aspetti psicopedagogici della valutazione mettono in risalto come la funzione educativa e di relazione abbiano una fondamentale importanza per monitorare l'efficacia del processo di apprendimento nelle varie fasi evolutive.

Laura Alberico

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…