Passa ai contenuti principali

Ragazzi perbene - di Laura Alberico

Il buonismo impera sotto gli occhi di adulti che spesso si meravigliano, condannano e dopo girano gli occhi dall'altra parte. Bambini cresciuti sotto l'ombra di schemi pedagogici lassisti e privi di utili divieti. Sono i ragazzi perbene che cercano nella moda e nelle griffe  la loro identità, nel gruppo dei pari il riconoscimento di valori alternativi e privi di significato per esorcizzare paure ed emozioni, solitudine e fragilità. Dentro di loro cresce la rabbia celata da una normalità distratta e apatica che acquieta la coscienza di genitori troppo spesso assenti, troppo lontani da un mondo contaminato da stimoli virtuali in cui quasi sempre l'immagine è la vera ragione di esistere e nella quale riconoscersi. I ragazzi perbene crescono in famiglie normali, sono i bravi compagni di figli accuditi e viziati, ai quali nessuno penserebbe di poter dare dispiaceri o privazioni. Fino a quando la normalità inverte il suo corso, si trasforma in violenza, mostra il volto della vita negata, la tragica e reale reazione di momenti in cui l'istinto prevale e esplode rompendo la bolla protettiva di un isolamento estremo. Il filosofo Galimberti parla di nichilismo dei giovani di oggi, di anestesia dei sentimenti (psicoapatia), di negazione del futuro. In questo vuoto esistenziale i ragazzi consumano droghe e alcol, tempo e ragione, emozioni e desideri. Meraviglia e costernazione, incredulità e senso di inadeguatezza pervadono il senso comune di adulti inchiodati forse alle loro responsabilità di pseudo educatori che non hanno saputo, voluto e pensato di poter fare di meglio magari comunicando empatia, vicinanza, accoglienza. I ragazzi perbene sono i figli di tutti, di una società che interroga senza farsi domande, immersa in un tessuto sociale pieno di contraddizioni e di incertezze dove la violenza fuori e dentro le mura domestiche alimenta l'indifferenza, l'unica e più grave malattia del nostro tempo. Per questo è importante puntare a un progetto di vita futuro, per dare ai giovani l'opportunità di credere in se stessi e di sviluppare i presupposti insiti nell'educazione cioè la cultura del bello e una filosofia di vita tesa a colmare il vuoto nel quale ragione e sentimenti hanno perso il loro valore.

Laura Alberico

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…