Passa ai contenuti principali

La vergognosa verità sulla scuola - di Enrico Maranzana

Seicento docenti universitari hanno inviato una lettera  aperta al Presidente del Consiglio per denunciare le carenze linguistiche degli studenti che accedono agli studi accademici: “Abbiamo bisogno di una scuola davvero esigente nel controllo degli apprendimenti oltre che più efficace nella didattica” che garantisca “il raggiungimento, al termine del primo ciclo, di un sufficiente possesso degli strumenti linguistici di base da parte della grande maggioranza degli studenti”. Le linee d’intervento proposte si sostanziano “nell’introduzione di momenti di seria verifica durante l’iter scolastico, condizione indispensabile per l’acquisizione e il consolidamento delle competenze di base”.
L’origine del disservizio non è stata identificata.
Al termine della primaria e della secondaria di primo grado le scuole certificano il livello di raggiungimento della capacità di comunicare nella madre lingua e, in particolare, “la padronanza della lingua italiana tale da consentirgli di comprendere enunciati e testi di una certa complessità, di esprimere le proprie idee, di adottare un registro linguistico appropriato alle diverse situazioni”.  Tutti gli insegnamenti sono responsabili del relativo successo formativo.
La credibilità del servizio scolastico è annientata dal divario osservazioni critiche degli universitari .. certificazioni di possesso delle competenze rilasciate dalle scuole.
Quale strategia adottare per superare l’insostenibile contrasto?
La condivisione del significato dei termini è la piattaforma necessaria alla progettazione di percorsi d’apprendimento.
Nella scuola “competenza” è definita per elencazione, avendo a riferimento le indicazioni europee e le indicazioni ministeriali: modalità che poco si presta alla messa a punto d’itinerari educativi.
Molto più ricco di opportunità progettuali sarebbe il campo in cui le primitive in cui è scomponibile “competenza” sono identificate: “Capacità/abilità” e “Conoscenza”.
Le “capacità/abilità” sono il terreno comune a tutti gli insegnamenti: meta unitaria della didattica dei singoli docenti. Le “conoscenze” sono lo “strumento e l’occasione” che il singolo docente utilizza per preparare “occasioni d’apprendimento”. Queste sono mirate sia alla promozione e al consolidamento delle capacità/abilità, sia alla trasmissione di una corretta immagine della disciplina insegnata.

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…