Passa ai contenuti principali

Le isole del dolore - di Laura Alberico

La società del benessere ci ha abituati a proiettare nel futuro aspettative e desideri, a credere che consumismo e virtualità siano beni di ampio respiro, lo specchio nel quale riflettere il presente e da esso poter distillare i principi e gli orientamenti di una vera vita. In questo contesto l' individualismo e il narcisismo si impongono come difese verso una società in crisi che esplode e implode in forme di violenza sempre più estreme. Cultura ed educazione in molti casi sembrano essere strumenti sottoposti ad una profonda e persistente anestesia perché la cronaca registra ogni giorno eventi delittuosi nei quali le vittime sono figure significative e simboliche; genitori, figli, mariti, mogli che rappresentano il nucleo di una collettività primaria ormai sottoposta, negli aspetti relazionali e affettivi, a una lenta e progressiva lacerazione, la perdita di valori e significati. La comunicazione, che per assunto rappresenta un atto di condivisione e partecipazione, e' diventata uno strumento formale privo di scambio, empatia, senso di alterita' e di consapevolezza. La società frammentata ha creato barriere di incomunicabilità, isole lambite da un mare inquinato in cui i sentimenti e le emozioni, i legami, gli affetti appaiono prodotti di scarto, ingombranti bagagli dai quali liberarsi senza ripensamenti o sensi di colpa. La metafora della vita, che ritorna sempre  dopo la morte e il dolore ad essere il banco di prova di un nuovo risveglio, ci spinge a riflettere e a interrogarci sulla fragilità dell'essere umano, sulla possibilità di comprendere e interpretare il disagio, la solitudine, il vuoto, che soprattutto per i giovani rappresentano delle catene invisibili, spesso nascoste in una cornice di apparente e falsa normalità.

Laura Alberico

Commenti

Post popolari in questo blog

La scuola è morta . . . ma la classe docente non andrà in Paradiso - di Elio Fragassi

Nei giorni scorsi, mentre ero seduto al tavolo di un bar e all’ombra di un timido sole primaverile, un amico di vecchia data mi ha domandato:  “Anche se sei in pensione, mi sapresti dire perché molti insegnanti vogliono lasciare la scuola”? Mi viene spontanea e immediata la seguente risposta: “Perché la scuola, purtroppo, non è più il luogo deputato alla trasmissione delle conoscenze tra le generazioni e gli insegnanti non sono più né minatori ([1]) né traghettatori di conoscenze ([2])”.
Gli insegnanti si sentono succubi di un potere che li ha prima delegittimati della funzione formatrice e poi espropriati del loro operare trasformandoli in Golem tuttofare attribuendo loro qualità taumaturgiche con le quali risolvere ogni problema del sociale: fumo, droga, violenza, devianze, sesso, alcool, sballo, famiglia, patentino, abbandoni, ed ora anche la verifica di idoneità degli autisti e dei mezzi delle gite scolastiche. Ne discende che gli insegnanti (per lo meno quelli che in questo lavoro cr…

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…