Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da novembre 9, 2016

L’acriticità nella scuola - di Enrico Maranzana

I politici, senza badare alla finalità del sistema formativo, ideano strategie elaborando gli obiettivi che l’Europa ha formalizzato per favorire la libera circolazione dei lavoratori.
Se avessero adottato una corretta metodologia di sviluppo e avessero assunto un valido punto di vista, non avrebbero sbagliato a finalizzare i processi d’apprendimento [CFR. “traguardi formativi prioritari” - legge 107/2015 – comma 7]. Perché dirigenti, docenti e studenti non hanno denunciato una siffatta corbelleria che mina il fondamento razionale della gestione scolastica? L’osservazione della vita delle scuole favorisce l’identificazione dell’origine della generale indifferenza. I dirigenti scolastici, sottovalutando gli obiettivi educativi, organizzano i processi scolastici in funzione dei quesiti dei test Invalsi. I docenti rifiutano l’unificazione dei percorsi educativi perché la loro attività è scandita dai libri di testo. Sono molti gli studenti che chiedono lumi ai compagni, senza approfondire il te…