Passa ai contenuti principali

Con il Brexit nell'UE la lingua italiana al posto dell'inglese - di Giuseppe Tizza

Momenti storici come questo per la nostra lingua non capitano così spesso.
La lingua inglese non ha più diritto di essere comprese fra le lingue ufficiali dell'UE.
La lingua italiana deve prendere il posto di quella inglese.
Dal punto di vista linguistico dipende solo da noi cogliere il momento e sfruttarlo al massimo.
Questo mio testo potrebbe fare da base per sviluppare un programma da portare avanti noi, senza bisogno di istituzioni.
Si potrebbe fare una raccolta di firme.

http://www.repubblica.it/esteri/2016/10/27/news/brexit_un_taglio_alla_lingua_con_il_regno_unito_fuori_l_unione_europea_non_parlera_piu_inglese_-150675134/

La brexit favorirà economicamente la Germania.
Questo mio testo potrebbe fare da base per sviluppare un programma da portare avanti noi, senza bisogno di istituzioni.
Sconvolgerebbe positivamente il nostro ruolo nel mondo e il Suo nuovo ginnasio potrebbe fare da trampolino di lancio.

La lingua italiana è la più semplice e la più adatta per la mente umana

Metodi per stabilirlo:

- un software che decida autonomamente

- fare scegliere a delle tribù che vivono allo stato primitivo e non conoscono lingue moderne

- indire un referendum mondiale, nel quale ogni nazione può scegliere fra le lingue esclusa la propria, come avviene per il festival della canzone

- incaricare degli studiosi per la scelta

- valutare gli effetti che crea nella psiche di uno straniero il suo apprendimento e confrontarlo con gli effetti di altre lingue

- è la lingua che nel corso della sua storia è cambiata di meno

- gli stranieri immigrati riescono ad integrarsi linguisticamente in pochi mesi, mentre in altri paesi non bastano anni

- come livello di base è molto più facile delle altre lingue

- la percentuale dei dislessici è molto più bassa che in altre lingue

- è quella più studiata per diletto

- è la lingua esclusiva dell'opera e quella preferita dai suoi operatori e l'opera è il massimo dell'espressione artistica, "opera" per antonomasia

- anche chi non la parla l'ascolta volentieri perché è molto musicale

- molti abitanti dei paesi confinanti la parlano senza esserci mai stati, cosa che non si può dire per le altre lingue

- più in alto si sale nei livelli linguistici, più le altre lingue risentono dell'influenza del latino, di cui l'italiano è erede

- le altre lingue neolatine non sono dello stesso livello. Basta pensare che non esiste un'opera lirica in spagnolo, rumeno. In francese ne esistono pochissime

la vera "Grande Bellezza" è la lingua italiana, molto di più di tante opere d'arte meno astratte, conservate nei musei e nelle loro anguste cantine, di cui non ci si può appropriare

ogni italiano parlando al turista regala il più bel ricordo che può portare con se della "Grande Bellezza" e lo fa diventare erede del patrimonio che tutti ci invidiano
lo accompagna per tutta la vita e in ogni luogo

gli regala un carta di identità che non c'è bisogno di mostrare e rinnovare

impregna nel suo volto una somiglianza italica
rende il suo animo più gentile

lo fa guarire da molti disturbi mentali non presenti in chi la parla.

Basta colorare in questo diagramma le combinazioni di lettere della lingua italiana con un evidenziatore per mettere in risalto la semplicità della lingua italiana.
Evidenziare le combinazioni di lettere che si riscontrano in altre lingue è molto più difficile e necessita di molto più tempo e si ottengono degli schemi confusi


Commenti

Post popolari in questo blog

La scuola è morta . . . ma la classe docente non andrà in Paradiso - di Elio Fragassi

Nei giorni scorsi, mentre ero seduto al tavolo di un bar e all’ombra di un timido sole primaverile, un amico di vecchia data mi ha domandato:  “Anche se sei in pensione, mi sapresti dire perché molti insegnanti vogliono lasciare la scuola”? Mi viene spontanea e immediata la seguente risposta: “Perché la scuola, purtroppo, non è più il luogo deputato alla trasmissione delle conoscenze tra le generazioni e gli insegnanti non sono più né minatori ([1]) né traghettatori di conoscenze ([2])”.
Gli insegnanti si sentono succubi di un potere che li ha prima delegittimati della funzione formatrice e poi espropriati del loro operare trasformandoli in Golem tuttofare attribuendo loro qualità taumaturgiche con le quali risolvere ogni problema del sociale: fumo, droga, violenza, devianze, sesso, alcool, sballo, famiglia, patentino, abbandoni, ed ora anche la verifica di idoneità degli autisti e dei mezzi delle gite scolastiche. Ne discende che gli insegnanti (per lo meno quelli che in questo lavoro cr…

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…