Passa ai contenuti principali

L’acriticità nella scuola - di Enrico Maranzana

I politici, senza badare alla finalità del sistema formativo, ideano strategie elaborando gli obiettivi che l’Europa ha formalizzato per favorire la libera circolazione dei lavoratori.

Se avessero adottato una corretta metodologia di sviluppo e avessero assunto un valido punto di vista, non avrebbero sbagliato a finalizzare i processi d’apprendimento [CFR. “traguardi formativi prioritari” - legge 107/2015 – comma 7].
 
Perché dirigenti, docenti e studenti non hanno denunciato una siffatta corbelleria che mina il fondamento razionale della gestione scolastica?
L’osservazione della vita delle scuole favorisce l’identificazione dell’origine della generale indifferenza.
I dirigenti scolastici, sottovalutando gli obiettivi educativi, organizzano i processi scolastici in funzione dei quesiti dei test Invalsi.
I docenti rifiutano l’unificazione dei percorsi educativi perché la loro attività è scandita dai libri di testo.
Sono molti gli studenti che chiedono lumi ai compagni, senza approfondire il testo dei lavori loro assegnati.
Anche i sindacati e i mezzi d’informazione sono passibili della stessa critica: generale è la loro noncuranza per l’orientamento del sistema formativo e per la sua struttura decisionale; la loro attenzione è monopolizzata dai soli aspetti amministrativi.

Commenti

Post popolari in questo blog

Eticamente lecito uccidere i bambini - di Stefano Biavaschi

“Eticamente lecito uccidere i bambini”. E' la sorprendente tesi di due bioeticisti italiani, pubblicata sul Journal of Medical Ethics. I due personaggi sono Alberto Giubilini e Francesca Minerva, e il titolo incredibile dell'articolo è: “Aborto dopo la nascita, perché il bambino dovrebbe vivere?”.

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Concorso dirigenti: appunti di studio

L'ultima mia fatica di studio in vista del concorso l'ho riversata come al solito sul sito www.atuttascuola.it e credo che possa essere utile, in mancanza di una testo ufficiale del ministero di preparazione al concorso.