Passa ai contenuti principali

I disastri ambientali - di Laura Alberico

In questi giorni abbiamo visto immagini che difficilmente potranno essere dimenticate. La forza della natura ha distrutto interi paesi, fiumi straripati dagli argini hanno invaso case e trascinato con sé tutto quello che incontravano, oggetti e persone colti di sorpresa e travolti da una improvvisa carica di energia che ha mostrato il volto nemico della natura e delle sue manifestazioni. 
Da diversi anni ormai assistiamo a fenomeni climatici molto intensi  che hanno provocato morte e distruzione in territori critici dal punto di vista idrogeologico. E come sempre, in queste situazioni, si parla di prevenzione, una parola molto spesso usata e abusata quando bisogna fare i conti con i danni provocati dai disastri ambientali. La natura e l’uomo rappresentano un binomio inscindibile, un legame necessario dal quale è impossibile separarsi perché l’ecologia è una grande comunità in cui gli esseri viventi stabiliscono relazioni e scambi energetici fondamentali per la presenza e lo sviluppo della vita stessa sulla terra.
 La cultura ambientalista oggi ha uno spazio limitato, non rappresenta una priorità nel campo dell’informazione e quello che riusciamo a conoscere a livello divulgativo non basta per avere una visione completa ed esaustiva delle problematiche ad essa connesse. Come nel campo sanitario la prevenzione si articola su tre livelli e trasferendo questo concetto allo studio della natura possiamo interpretare i rischi e le “malattie” che affliggono l’ambiente in cui viviamo. La prevenzione primaria mette in campo tutti gli interventi necessari per evitare che possano verificarsi determinate situazioni, quella secondaria invece svolge la sua azione quando sono già emerse manifestazioni e sintomi critici. La prevenzione del terzo livello è rappresentata da tutte quelle azioni che possono tamponare e in qualche modo riparare  i danni che si sono già verificati.
 E’ doloroso notare che in Italia purtroppo si attiva soltanto la prevenzione terziaria quando gli effetti degli sconvolgimenti climatici  hanno già avuto luogo  producendo le devastazioni di vasti territori.   La natura è malata  perché l’uomo ha modificato il territorio costruendo vicino agli argini dei fiumi, deviando il loro corso naturale e impossessandosi di quelle zone che sono state poi “riconquistate” con improvvisa violenza. Il territorio italiano presenta una diffusa e selvaggia urbanizzazione che evidenzia molte situazioni a rischio. Parlare di prevenzione è quindi indispensabile e urgente per evitare altri disastri ambientali in cui la morte e la distruzione trasformano l’ambiente e la natura in un vero  campo di battaglia.
Laura Alberico

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…