Passa ai contenuti principali

Tematiche e interpretazioni de Il processo di Franz Kafka


Tematiche e interpretazioni de Il processo di
Franz Kafka

Prof.
Luigi Gaudio

Il processo è reale o è pura proiezione delle turbe psichiche di K.?
Tutti i rappresentanti del
tribunale (dai custodi agli uscieri, fino anche ai due boia) si comportano in
modo deciso e risoluto quando K. dimostra di subire l'inchiesta, mentre lo
assecondano quando pare essere meno preoccupato. In svariate occasioni si ha
l'impressione che il processo va avanti solo perché K. ripiomba nell'ansia.
Prova ne è che quando K. sostituisce altro alla preoccupazione per il processo,
semplicemente il processo svanisce nel nulla. Insomma, l'intera vicenda è nelle
mani di K. , al punto che talvolta sembra un incubo, un'allucinazione, o
un'ossessione paranoica, più che una realtà, poiché il processo si ingigantisce
(come portata drammatica), quanto più K. ha paura di esso, mentre si
ridimensiona quando K. non ci fa caso


K. personaggio autobiografico novecentesco
K. è un personaggio tipicamente
novecentesco, ricco di aspetti contraddittori: tanto è brillante e razionale in
alcuni punti, quanto è insicuro in altri (vedi: lo Zeno de La coscienza di
Zeno
di Italo Svevo). Si presenta come il tipico borghese che si è
conquistata una notevole posizione all'interno della società, ma che mostra poi
tutta la mancanza di una consistenza. Egli non ha una verità su cui poggiare la
vita. Di fronte al mistero, che potrebbe essere rappresentato dal processo, il
borghese non ha più chiavi di lettura: non può intervenire a livello razionale.



Interpretazioni de "Il processo" di Franz Kafka 1) Pietro Citati
Pietro Citati è uno dei più
profondi conoscitori dello scrittore. Egli sottolinea le somiglianze fra la
città in cui è ambientato il romanzo e la città di Praga. Inoltre secondo
Citati, la legge è Dio e gli intermediari tra la legge e l'uomo rappresentano
le religioni. Ad esempio l'avvocato Huld si fa venerare dal commerciante Block,
con un'espressione di biblica memoria: "Non avrai altro avvocato
all'infuori di me", anche se poi Block "venerava" di fatto altri
cinque avvocati!



2) Ferruccio Masini
Nell'introduzione all'edizione
Grandi Libri Garzanti de Il processo Ferruccio Masini vede in K. un
modello di intellettuale, cosciente della crisi della borghesia.  Il mondo
è un caos, senza ordine e razionalità. Ogni regola è degradata, perfino quella
della giustizia, che appare anche visivamente in sfacelo. Le stesse persone
vicine alla legge, che potrebbero aiutare K, come il pittore Titorelli, vivono
in case malsane e cadenti. Nelle cancellerie, poi, l'aria è irrespirabile.
La condanna, che corrisponde,
simbolicamente, alla condanna improrogabile dell'uomo a morire, ora è temuta,
ora invece è  riconosciuta come salvezza, fuga dal grigiore
dell'esistenza. La colpa non c'è: la borghesia non ha più il senso del peccato:
infatti K.  innocente, ma il fatto di esorcizzare la possibilità stessa
della colpa, diventa di fatto una colpa a sua volta. Anzi, proprio chi crede di
non avere colpa, come K., è condannato per primo. Il processo del remissivo e
supplichevole commerciante Block dura da sei anni, quello di K. durerà molto
meno. Masini esclude significati mistico-allegorici e punta sugli aspetti
sociali e psicologici.


3) Luca Doninelli
Luca Doninelli è un fervido e
innovativo scrittore contemporaneo. Per Doninelli la letteratura di Kafka,
nella sua intima connessione con tutta la civiltà ebraica del passato, ha come
suo tema principale lo smarrimento del legame con il Padre, la rottura
dell'antica alleanza. In quest'ottica il rapporto ambiguo di Kafka con il suo
padre naturale diventa simbolo del legame tra l'Uomo e un Dio-Padre assente.
L'uomo è condannato ad attendere il Messia, che svelerà, che farà conoscere a
tutti il disegno di Dio, ma che di fatto non arriva mai, proprio come  ne
Il messaggio
dell'imperatore
.

Quindi fra l'uomo e la legge
divina ci sarà sempre una sproporzione incolmabile, fino a quando Dio, e solo
Lui, non deciderà di colmare questo divario. Fino ad allora tutto, nella vita
dell'uomo, sarà mistificante ed illusorio, compreso l'amore. Infatti più che di
amore si potrebbe parlare di sesso, di un diabolico intrecciarsi di corpi, in
cui la donna è piccola e animalesca, ma non è mai bella, come Leni ne Il
processo
e Frieda ne Il castello. Del resto è stato lo stesso Kafka
con l'inserzione del racconto simbolico Davanti alla legge, a suggerire
un'interpretazione che va al di là del puro aspetto sociologico



4) Ervino PocarPocar valorizza i nuovi studi
di Ladislao Mittner e Giuliano Baioni, e le edizioni critiche, che lo portano a
disdegnare le interpretazioni mistiche, teologico o filosofiche.
 




































Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…