Passa ai contenuti principali

Libertà' di educazione nel mondo: Italia bocciata - Agesc - Cdo Opere Educative - Confap - Fidae - Fism

Il prossimo 25 maggio un  convegno alla Camera dei Deputati
La libertà di educazione nel mondo? Riconosciuta, ma poco applicata. L'Italia si colloca al 47° posto su 136, ma scorrendo l'elenco dei Paesi si vede che sotto il nostro ci sono solo dieci Nazioni europee di cui quattro dell'Unione (Grecia, Cipro, Bulgaria e Croazia). Una posizione tutt'altro che invidiabile!
Il prossimo 25 maggio le Associazioni della scuola cattolica parteciperanno al Convegno organizzato alla Camera dei Deputati sul tema "Libertà di educazione nel mondo - rapporto globale 2015/2016".
Saranno presenti gli onorevoli Borghesi, Centemero, Gigli, Grande, Pagano e Rubinato.
Le associazioni, che rappresentano più di 13.000 scuole paritarie e 1 milione di famiglie, porteranno il proprio contributo con un'introduzione di Roberto Gontero, presidente Agesc, i cui contenuti possono essere riassunti in tre punti chiave, fondamentali ed irrinunciabili:
• il sostegno e la promozione per la scuola statale e non statale, individuando un "progetto di scuola" che porti benefici e vantaggi a tutto il sistema scolastico italiano e quindi a tutte le famiglie;
• il primato educativo della famiglia, eliminando quanto nella scuola non ha nulla a che fare con l'educazione;
• la responsabilità di assumere i problemi della comunità e viverli come vocazione, come impegno urgente ed irrinunciabile, a servizio della persona, della famiglia e della società.
Al primato della persona, sancito dalla Costituzione, segue quello di sussidiarietà, perché l'educazione delle giovani generazioni è di interesse pubblico e davanti alle sfide che il mondo giovanile si trova a dover affrontare, è impensabile un sistema educativo che prescinda dalla famiglia. Infine autonomia e pari dignità, perché una scuola veramente autonoma deve poter progettare il cammino educativo/formativo anche per la parte culturale e programmatica, che in Italia rimane prerogativa della burocrazia centrale. La funzione del MIUR dev'essere di coordinare, valutare, garantire e promuovere gli indirizzi generali.
Urge rivedere il rapporto "Stato-cultura" e "Stato-società" e il significato vero da attribuire all'educazione, all'apprendimento, all'insegnamento, e allo stesso concetto di libertà. Vanno qualificate le ragioni riguardanti famiglia e scuola, e rivalutate come rapporti "etico-sociali", vanificati dall'anomalo e iniquo "..... senza oneri per lo Stato", superato dalla storia.
Le leggi ci sono già, in primis la Costituzione. Al Governo si chiede un atto di coerenza politica, realizzata nell'applicazione e nel rispetto della gerarchia dei valori: persona, famiglia, scuola, Stato.
Altro nodo: la disabilità. Negli ultimi 10 anni gli alunni disabili sono aumentati del 62% nelle scuole paritarie. Lo Stato ha promesso mille euro a disabile, ma quando arriveranno? E soprattutto:
basteranno?

Agesc - Gontero Roberto
Cdo Opere Educative - Masi Marco
Confap - Venturi Flavio
Fidae - Kaladich Virginia
Fism - Girardi Biancamaria
Per info: Giusi Vianello 3403441937

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…