Passa ai contenuti principali

Gli Istituti d’Arte come l’Araba Fenice - di Elio Fragassi

Da qualche giorno vedo passare in tv ed ascoltare per radio alcuni spot dal titolo “Imparare lavorando”.
Un noto proverbio, quando qualcosa è irrimediabilmente persa, afferma: “Per rinascere occorre prima morire”.
Questa massima può essere applicata tranquillamente ai nostri Istituti d’arte che, prima sono stati fatti morire, accorpandoli ai Licei artistici (che erano completamente un’altra cosa) ed ora si vogliono far risorgere.
L’operazione di accorpamento (legge 133/2008) si è dimostrata negativa per entrambe le istituzioni perché l’una (liceo artistico) ha dovuto ridimensionare l’aspetto creativo astratto del pensiero immaginativo, l’altra (l’istituto d’arte) ha dovuto rinunciare all’intelligenza pratica, alla manualità creativa di un pensiero concreto relativo alle diverse specializzazioni (ceramica, vetro, ebanisteria, intarsio, ferro battuto, oreficeria, moda e tessuto, ecc. ecc.) e sfaccettature del “fare arte”, imparandola lavorando. Significative esperienze si erano accumulate negli anni per mezzo di maestranze abituate a vivere un colloquio creativo con i diversi e differenti materiali  le cui esperienze venivano trasmesse, aggiornandole continuamente, ai giovani che venivano formati e preparati per essere operativi e pronti ad affrontare il mondo del lavoro con i propri laboratori e atelier creativi.
Mi preme precisare che io sono stato studente di liceo artistico ma nella mia attività didattica ho insegnato in entrambe le scuole prendendo atto, così, della sostanziale differenza dei due percorsi che, ormai, con la riforma Gelmini attuata nel 2010, sono stati accorparti in un unico percorso di studio che ha decretato la morte degli istituti d’arte e la spersonalizzazione creativa dei licei artistici.
Moltissimi istituti d’arte affondano radici persino alla fine del XIX secolo o ai primi anni del secolo XX come quelli nei quali ho insegnato: Istituto d’arte M. dei Fiori di Penne istituito nel 1887, Istituto d’arte G. Mazara di Sulmona  istituito nel 1889, Istituto d’arte U. Preziotti di Fermo istituito nel 1959 . Queste scuole, come le altre su tutto il territorio nazionale, sorte come scuole d’arte e mestieri, erano fortemente legate alle attività artigianali del territorio tanto da sviluppare processi di apprendimento e lavorazioni legate proprio ai materiali o esperienze artigianali del luogo come ceramica, oreficeria, ebanisteria, tessuto, metalli, vetro, ecc. ecc. Queste scuole hanno preparato tantissimi artigiani che, in ogni campo dell’espressione artistica hanno fatto grande il made in Italy nel mondo.
Ora che sono passati, ormai, cinque anni e la reciproca contaminazione dei due percorsi scolastici  ha prodotto la nascita di una ibrida e scadente preparazione dei giovani studenti, si pensa di riattivare quel processo educativo di “Imparare lavorando” tipico e specifico degli istituti d’arte, processo che ha attraversato e preparato diverse generazioni di studenti su tutto il territorio nazionale.
Il sito del Ministero del lavoro e delle politiche sociali “presenta questa operazione come una grande novità asserendo che “Il mondo della scuola e del lavoro non sono mai stati così vicini”([1]) dimenticando che nella vecchia scuola d’arte e mestieri prima e istituti d’arte dopo, suola e lavoro non erano solo vicini ma integrati l’uno nell’altra perché “Fare arte è un processo molto complesso e articolato dove agiscono contemporaneamente, in un continuo feedback triangolare intelligenza, conoscenza dello specifico campo e abilità manuali”([2])
Ed ancora sul sito ministeriale si legge “. . . si avvia la sperimentazione del sistema duale per consentire ai giovani di “imparare facendo” ([3]) dimenticando, anche in questo caso, che gli istituti d’arte da molti decenni; per molti, da più di un secolo; hanno attivato la formula dell’  “imparare facendo” sviluppando e adeguando continuamente il concetto della didattica dell’arte intesa come processo duale del “fare per conoscere e conoscere per fare” ([4]).
L’augurio è che dalle ceneri di questa araba fenice resusciti la volontà politica di far risorgere gli istituti d’arte che da sempre hanno adottato la metodologia didattica esposta nel manifesto del Ministero :” Si impara facendo; si entra nella vita reale mentre si studia. Quello che si impara sul lavoro ha la stessa dignità di quello che si impara a scuola, perché finalmente in Italia gli apprendimenti formali e non formali si integrano organicamente in un sistema duale che comporterà anche un cambiamento importante nella didattica e nel modo in cui verranno messe in luce e certificate le esperienze e le competenze acquisite.” ([5])
Prima che il tempo disperda completamente le ceneri di questa Istituzione scolastica, ci si augura un coraggioso ripensamento politico che riapra tutti i pozzi di questo nostro “petrolio”.


Elio Fragassi





[1])  http://www.lavoro.gov.it/AreaComunicazione/CampagneComunicazione/2016/Pages/Imparare-lavorando-in-Italia-si-puo.aspx
[2]) http://atuttascuoladuepuntozero.blogspot.it/2013/06/la-riforma-che-ha-sancito-la-morte.html
[3]) http://www.lavoro.gov.it/AreaComunicazione/CampagneComunicazione/2016/Pages/Imparare-lavorando-in-Italia-si-puo.aspx
[4])http://atuttascuoladuepuntozero.blogspot.it/2014/12/didattica-dellarte-fare-per-conoscere.html
[5]) http://www.lavoro.gov.it/AreaComunicazione/CampagneComunicazione/2016/Pages/Imparare-lavorando-in-Italia-si-puo.aspx

Commenti

Post popolari in questo blog

La scuola è morta . . . ma la classe docente non andrà in Paradiso - di Elio Fragassi

Nei giorni scorsi, mentre ero seduto al tavolo di un bar e all’ombra di un timido sole primaverile, un amico di vecchia data mi ha domandato: “Anche se sei in pensione, mi sapresti dire perché molti insegnanti vogliono lasciare la scuola”?Mi viene spontanea e immediata la seguente risposta:“Perché la scuola, purtroppo, non è più il luogo deputato alla trasmissione delle conoscenze tra le generazioni e gli insegnanti non sono più né minatori ([1]) né traghettatori di conoscenze ([2])”.
Gli insegnanti si sentono succubi di un potere che li ha prima delegittimati della funzione formatrice e poi espropriati del loro operare trasformandoli in Golem tuttofare attribuendo loro qualità taumaturgiche con le quali risolvere ogni problema del sociale: fumo, droga, violenza, devianze, sesso, alcool, sballo, famiglia, patentino, abbandoni, ed ora anche la verifica di idoneità degli autisti e dei mezzi delle gite scolastiche. Ne discende che gli insegnanti (per lo meno quelli che in questo lavoro cr…

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo.https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…