Passa ai contenuti principali

Giustizia e verità - di Laura Alberico

Le parole hanno un peso ma di esse se ne fa un uso indiscriminato ed eccessivo in un mondo che sembra aver perso le radici dell’identità e della coerenza, della legittimità e dei significati di valore che le rappresentano. Giustizia e verità non sempre si accompagnano, anzi spesso si contrappongono e fanno fatica ad emergere come realtà di uno stesso fenomeno. Gli adulti, in molte situazioni,  hanno declinato le loro responsabilità genitoriali e non rappresentano più modelli comportamentali a cui far riferimento soprattutto nell’ambito delle relazioni familiari. La violenza che dilaga dentro e fuori le mura domestiche è un fenomeno  che si ritorce contro le figure più deboli. Le donne e i bambini sono vittime di un retaggio culturale primitivo, rappresentano ancora oggetti di possesso sui quali riversare violenze fisiche e psicologiche che spesso sono taciute e nascoste per vergogna, timore o paura. Il parco verde di Caivano è diventato un territorio contaminato dall’omertà che nel tempo ha fatto crescere le radici della violenza come erba infestante alimentata da una assurda e incomprensibile normalità. Le verità nascoste e taciute negli anni  sono emerse agli occhi di tutti facendo affiorare responsabilità e omissioni, colpe e silenziosa accettazione di violenza e perversione sessuale a danno di bambini innocenti e inconsapevoli. Ma oggi i misteri sembrano aver perso la loro salda e fitta rete di omertà e silenzio. La bocca dell’innocenza ha parlato con la spontaneità e il coraggio che spesso gli adulti non hanno, ha rivelato storie di ordinaria violenza come una favola in cui l’orco cattivo domina incontrastato sulle debolezze e fragilità di un mondo infantile privato per lungo tempo del suo spazio e del suo respiro. Oggi la periferia degradata ha cambiato colore, il verde sbiadito del parco ha ritrovato una primavera dimenticata e una stagione di consapevolezza che può e deve far maturare i frutti del rispetto e della cura  verso i più deboli e gli indifesi. I bambini, diventati troppo presto grandi, hanno imparato da soli a capire e a interpretare il bene e il male, a guardare con pietà e coraggio il mondo degli adulti senza pregiudizi e paure. Una favola reale che restituisce dignità, bellezza e verità al mondo,  in nome di una legge etica  che possa diventare come diceva Kant   “il cielo stellato sopra di me, la legge morale in me”. Una luce nel buio di queste e altre storie scuote le coscienze e illumina un futuro diverso dove giustizia e verità hanno ancora voce per farsi ascoltare.
Laura Alberico

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Le idi di marzo di Valerio Massimo Manfredi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videorecensione del professore su youtube
qui sotto: audiorecensione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
AUDIO "Le idi di marzo" di Valerio Massimo Manfredi in formato mp3, disponibile anche in formato audio wma
Le idi di marzoValerio Massimo ManfrediRelazione di narrativa di Melissa Galloni 2aD Titolo1. Il titolo del libro che ho letto questo mese è “Idi di Marzo”. Autore2. L’autore è Valerio Massimo Manfredi, un archeologo specialista in topografia del mondo antico. Ha insegnato in prestigiosi atenei in Italia e all’estero e condotto spedizioni e scavi in vari siti del Mediterraneo. Ha scritto numerosi saggi in campo accademico ed è, inoltre, autore di narrativa presso la Mondadori con ,ad esempio, “La Torre della Solitudine”, “L’ultima legione”… Riassunto3. Questo libro ripercorre gli ultimi giorni di vita di Giulio Cesare (pontefice massimo, capo militare..), che, all’età di cinquantasei anni,è ormai stanco e malato. …

Il canto dell’usignolo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto VII - ottave 32-37
Prima parte. Canti I-IV. La prima parte tratta dell’innamoramento di Venere e Adone. - Cupido, per vendetta, fa in modo che la madre si innamori di un mortale, Adone, approdato nell’isola di Cipro: dapprima Venere si innamora di lui vedendolo addormentato sulla spiaggia dove è approdato; in seguito Adone si innamora a sua volta di Venere, dopo aver curato una ferita alla gamba.   - Dopo l’innamoramento, tre personaggi, Cupido, Clizio e Mercurio si occupano dell’iniziazione di Adone, attraverso una lunga serie di esperienze estetiche. Seconda parte. Canti V-XI. In questo gruppo di canti viene descritta l’iniziazione di Adone.  - innanzitutto vi è l’iniziazione ai piaceri dei sensi: Adone viene condotto attraverso il giardino del piacere;  - quindi si passa alle delizie dell’intelletto e delle arti;  - infine Adone viene avviato alla scienza moderna; Al termine di queste esperienze Mercurio può celebrare il matrimonio tra Adone…