Passa ai contenuti principali

Giustizia e verità - di Laura Alberico

Le parole hanno un peso ma di esse se ne fa un uso indiscriminato ed eccessivo in un mondo che sembra aver perso le radici dell’identità e della coerenza, della legittimità e dei significati di valore che le rappresentano. Giustizia e verità non sempre si accompagnano, anzi spesso si contrappongono e fanno fatica ad emergere come realtà di uno stesso fenomeno. Gli adulti, in molte situazioni,  hanno declinato le loro responsabilità genitoriali e non rappresentano più modelli comportamentali a cui far riferimento soprattutto nell’ambito delle relazioni familiari. La violenza che dilaga dentro e fuori le mura domestiche è un fenomeno  che si ritorce contro le figure più deboli. Le donne e i bambini sono vittime di un retaggio culturale primitivo, rappresentano ancora oggetti di possesso sui quali riversare violenze fisiche e psicologiche che spesso sono taciute e nascoste per vergogna, timore o paura. Il parco verde di Caivano è diventato un territorio contaminato dall’omertà che nel tempo ha fatto crescere le radici della violenza come erba infestante alimentata da una assurda e incomprensibile normalità. Le verità nascoste e taciute negli anni  sono emerse agli occhi di tutti facendo affiorare responsabilità e omissioni, colpe e silenziosa accettazione di violenza e perversione sessuale a danno di bambini innocenti e inconsapevoli. Ma oggi i misteri sembrano aver perso la loro salda e fitta rete di omertà e silenzio. La bocca dell’innocenza ha parlato con la spontaneità e il coraggio che spesso gli adulti non hanno, ha rivelato storie di ordinaria violenza come una favola in cui l’orco cattivo domina incontrastato sulle debolezze e fragilità di un mondo infantile privato per lungo tempo del suo spazio e del suo respiro. Oggi la periferia degradata ha cambiato colore, il verde sbiadito del parco ha ritrovato una primavera dimenticata e una stagione di consapevolezza che può e deve far maturare i frutti del rispetto e della cura  verso i più deboli e gli indifesi. I bambini, diventati troppo presto grandi, hanno imparato da soli a capire e a interpretare il bene e il male, a guardare con pietà e coraggio il mondo degli adulti senza pregiudizi e paure. Una favola reale che restituisce dignità, bellezza e verità al mondo,  in nome di una legge etica  che possa diventare come diceva Kant   “il cielo stellato sopra di me, la legge morale in me”. Una luce nel buio di queste e altre storie scuote le coscienze e illumina un futuro diverso dove giustizia e verità hanno ancora voce per farsi ascoltare.
Laura Alberico

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Sciatteria nelle nomine delle commissioni esami di stato - di Paolo Marsich

Per dare un’idea della serietà con cui i burocrati del Ministero dell’Istruzione gestiscono l’Esame di Stato (ex Maturità), basterebbe considerare questi esempi di come sono state composte le commissioni: a esaminare in Storia studenti di indirizzi liceali e tecnici in cui la materia viene insegnata dal docente di Italiano (classe di concorso A050), sono stati mandati docenti di Italiano e Latino (classe A051) che, per quanto in possesso di abilitazione anche all’insegnamento di Storia, ottenuta magari trent’anni fa, Storia al triennio non l’hanno mai insegnata; viceversa a esaminare in Italiano e Latino studenti del Liceo Scientifico sono stati mandati insegnanti privi di abilitazione in Latino (classe A050). E ancora, a esaminare in Letteratura italiana studenti dei licei classici sono stati mandati insegnanti di Greco e Latino (classe A052) che, per quanto in possesso di abilitazione anche in Italiano, ottenuta anche questa magari trent’anni fa, Letteratura italiana al triennio no…